Coronavirus, le Camere del lavoro ricevono solo su appuntamento

La Cgil: "All’ingresso di tutte le sedi della provincia sarà operato un filtraggio da parte dei nostri operatori al fine di prevenire assembramenti di persone nelle sale d’aspetto"

REGGIO EMILIA – In seguito al decreto governativo firmato dal premier Conte che dispone misure restrittive anche per la nostra Provincia con lo scopo di contenere il contagio da Covid 19, la segreteria della Camera del Lavoro di Reggio Emilia ha ritenuto necessario mettere in atto delle misure organizzative ad hoc per fronteggiare quest’emergenza.

Scrive il sindacato: “Con l’obiettivo di contribuire concretamente al contenimento dei contagi tra le persone e di tutelare la salute dei tantissimi utenti che ogni giorno si avvalgono dei servizi delle nostre Camere del Lavoro sul territorio, nonché dei nostri operatori, sono in vigore, da martedì 10 marzo, nuove modalità di accesso alle nostre sedi e di gestione delle pratiche di competenza”.

La Cgil comunica che “i servizi fiscali Teorema e il patronato Inca e le categorie sindacali opereranno solo ed esclusivamente su appuntamento. All’ingresso di tutte le sedi della provincia sarà operato un filtraggio da parte dei nostri operatori al fine di prevenire assembramenti di persone nelle sale d’aspetto”.

Per tutte le pratiche non urgenti e differibili nel tempo si invitano gli utenti a prendere contatto telefonicamente o via e-mail con le strutture della Camera del lavoro. Tutti i nostri recapiti sono disponibili sul sito internet http://www.cgilreggioemilia.it e possono essere usati per contattare gli uffici. Il numero di telefono del centralino è 0522.4571

Conclude il sindacato: “La nostra presenza come presidio attivo a tutela dei lavoratori e delle lavoratrici sul territorio non è in discussione, ma crediamo che in questo difficile momento sia necessario, nonché doverosamente responsabile, mettere in campo tutte le accortezze possibili che anche le Istituzioni stanno in più occasioni richiedendo alla cittadinanza tutta. Siamo convinti che supereremo anche questo periodo di forte criticità e che insieme, facendo ciascuno la propria parte con senso di responsabilità verso se stessi e verso la collettività, ne usciremo più forti”.