Coronavirus, la cassaintegrazione sarà anticipata dalle banche

Il patto in Regione: il prestito sarà senza costi per i lavoratori

REGGIO EMILIA – Liquidazione anticipata degli ammortizzatori sociali in Emilia-Romagna grazie ad un patto siglato in Regione sulle aziende in difficolta’ a causa dell’emergenza Covid-19. L’accordo e’ stato sottoscritto dall’assessore regionale allo Sviluppo economico e Lavoro Vincenzo Colla, dalle istituzioni locali, dai sindacati, dalle rappresentanze delle imprese e da diversi istituti bancari.

“Nessuno deve restare indietro. Questo accordo – affermano in una nota il presidente Stefano Bonaccini e lo stesso Colla – va in questa direzione migliorando e uniformando gli strumenti per accompagnare lavoratori in difficolta’. Un modo rapido per assicurare alle famiglie continuita’ di reddito. Ma il nostro obiettivo principale resta quello di uscire piu’ rapidamente possibile dalla crisi e trovarci pronti alla ripartenza”.

L’accordo, spiega ancora la nota, prevede l’attivazione di finanziamenti individuali da parte degli istituti bancari a costo zero e a tasso zero per lavoratori dipendenti di aziende in crisi. Il finanziamento si configura insomma come un anticipo sugli ammortizzatori sociali spettanti al lavoratore per supportarlo nei periodi di temporanea assenza di reddito, in attesa di percepire da parte dell’Inps le indennita’ di sostegno al reddito spettanti.

Il protocollo vale per tutto il 2020, ma potra’ essere aggiornato se intervengono sostanziali modifiche normative sugli ammortizzatori sociali. Potra’ inoltre essere eventualmente rinnovato o prorogato con il consenso espresso delle parti sottoscrittrici. Altri Istituti di credito potranno aderire al potocollo anche in un momento successivo.