Coronavirus, altre sei persone denunciate

Sono 5 uomini che bevevano birre e chiacchieravano al parco di via Filzi e un uomo che, lontano da casa, era nel parco Baden-Powell

REGGIO EMILIA – Altre sei persone sono state denunciate, a Reggio Emilia, per il mancato rispetto dei provvedimenti ministeriali nella lotta al contagio del coronavirus.

Intorno alle 20 di mercoledì scorso, durante l’attività di controllo dei parchi, gli agenti del Nucleo antidegrado della polizia municipale, su segnalazione di alcuni cittadini, hanno constatato la presenza di cinque persone sedute su una panchina, al parco di via Filzi, intente a chiacchierare e a consumare birra. I cinque, seduti a distanza ravvicinata, inferiore ad un metro, sono stati identificati e denunciati per il mancato rispetto del decreto.

All’arrivo degli agenti, i residenti della zona, affacciati a balconi e finestre, hanno applaudito e ringraziato gli agenti per il lavoro di controllo.

Ieri, invece, un altro cittadino è stato denunciato mentre era fuori casa senza giustificato motivo, lontano dalla propria abitazione, all’interno del parco Baden-Powell. Salgono così a quattordici le persone denunciate dalla Municipale per il mancato rispetto dei provvedimenti ministeriali, tra cui due conducenti che, oltre a utilizzare l’automobile senza un valido motivo, guidavano in stato di ebbrezza.

Entrambi hanno fatto registrare tassi alcolemici due volte superiori rispetto ai limiti imposti dalla legge.