Castelnovo Monti, il sindaco: “Stop a passeggiate oltre i 500 metri da casa”

Il primo cittadino: "I parchi pubblici potranno solo essere attraversati". L'ordinanza è attiva da questa mattina

CASTELNOVO MONTI (Reggio Emilia) – Questa mattina il sindaco Enrico Bini ha provveduto ad emettere una nuova ordinanza, ancora più restrittiva rispetto alle uscite di casa per motivi non strettamente necessari.

Spiega Bini: “Abbiamo constatato che l’ordinanza emessa ieri per la chiusura delle aree verdi e dei parchi pubblici maggiormente frequentati, ha portato diverse persone semplicemente a cambiare il proprio itinerario, continuando comunque ad uscire e frequentare altre zone e strade periferiche per quelle che il Commissario regionale all’emergenza coronavirus, Sergio Venturi, ha definito ‘corsette e passeggiate di cazzeggio'”.

Continua il sindaco: “Ho emesso quindi una nuova ordinanza, che permette di uscire di casa esclusivamente per un raggio massimo di 500 metri dalla propria abitazione. Se ci si vuole sgranchire le gambe o se si deve portare fuori il cane si ha la possibilità di farlo, mantenendo sempre e comunque le distanze di sicurezza tra una persona e l’altra, ed evitando di fermarsi a chiacchierare e socializzare. So che è difficile, ma ci sarà il momento in cui potremo tornare a farlo, ma adesso purtroppo no. Restano ovviamente consentiti gli spostamenti per lavoro, le esigenze medico-sanitarie, per andare a fare la spesa e per situazioni di urgenza, muniti di autocertificazione. Ricordo anche che la stessa autocertificazione è recentemente cambiata. Il modulo aggiornato è disponibile sul sito del Comune di Castelnovo ne’ Monti”.

Nell’ordinanza si legge tra l’altro: “Ci siamo confrontati con le forze dell’ordine in merito alla consistenza delle persone presenti nei parchi, nelle aree verdi e lungo le strade solitamente utilizzate per le attività motorie. Viste le raccomandazioni dell’Ausl, e l’evoluzione della situazione epidemiologica, che evidenzia il carattere particolarmente diffusivo dell’epidemia e l’incremento dei casi sul territorio provinciale, si dispone la chiusura di tutti i parchi pubblici che potranno essere solo attraversati e non sarà consentita la sosta o il gioco individuale o di gruppo. Inoltre si dispone il divieto di transito a piedi, a eccezione di un raggio di 500 metri dalla propria abitazione, nelle strade comunali, private a uso pubblico e vicinali, se non per le motivazioni previste dal Decreto del Presidente del Consiglio dell’8 marzo 2020”.

L’ordinanza è stata firmata questa mattina ed è da ritenersi già attiva.