Campagnola, aperitivo in compagnia: nove denunce

I giovani, tra i 20 e i 28 anni, si stavano scolando delle birre in una stradina alle periferia del paese

CAMPAGNOLA – Si sono trovati a bere birra in una stradina sterrata alla prima periferia di Campagnola e sono stati denunciati dai carabinieri per aver disatteso le misure contro la diffusione del coronavirus contenute del decreto della presidenza del Consiglio dei ministri. Protagonisti nove giovani, tra i 20 e i 28 anni (6 reggiani e tre mantovani), che ieri mattina sono stati sorpresi a bere e sono stati identificati da una pattuglia di carabinieri della stazione locale che passava in quel momento.

I giovani, tre dei quali completamente ubriachi, hanno detto ai carabinieri di essersi dati appuntamento per trascorrere alcune ore insieme. Erano certamente al corrente dell’emergenza sanitaria in essere in tutto il paese, tanto che alcuni di loro indossavano pure le mascherine. Sul posto i carabinieri hanno rinvenuto anche uno scatolone di birre che i giovani stavano bevendo in occasione dell’improvvisato aperitivo.

Tre di loro (due mantovani e un reggiano) sono stati sanzionati anche per ubriachezza molesta con una multa da 106 euro l’uno.