Viale Umberto I, trovato un chilo di droga nel cortile del condominio

La droga era nascosta in un’area verde condominiale a due passi dall’ospedale Spallanzani

REGGIO EMILIA – Dopo i parcheggi e le pensiline delle fermate degli autobus di Piazzale Europa, i parcheggi delle auto dello stesso piazzale e le aree verdi del Parco del Popolo, ora anche le aiuole condominiali vengono usate come “deposito” di droga a cielo aperto da parte dei pusher che, piuttosto di rischiare portando addosso lo stupefacente, lo nascondono in questo modo assicurandosi così l’impunità.

Queste le modalità dei venditori al dettaglio che controllano a distanza i vari “nascondigli”, disseminati un po’ ovunque e poi, una volta venduta la merce, indirizzano i vari clienti che prelevano la dose acquistata. Modalità di occultamento che ora vengono adottate anche dai grossisti che, come in questo caso, utilizzano le aiuole condominiali per nascondere ingenti partite di droga destinate alla piazza reggiana.

Dopo segnalazioni su movimenti sospetti registrati dai residenti nelle ultime settimane in alcuni complessi residenziali vicino all’ospedale Spallanzani di viale Umberto I, i carabinieri hanno trovato un’ingente partita di droga destinata alla piazza reggiana. Oltre un chilo di marijuana e un etto di hascisc, custodite unitamente a un bilancino di precisione, erano custoditi all’interno di un sacchetto nero nascosto tra le siepi di un’area verde di un condominio di viale Umberto I.

Forti delle segnalazioni ricevute, i carabinieri reggiani ieri hanno passato al setaccio la zona intorno all’ospedale Lazzaro Spallanzani dove si sono spinti i controlli dei carabinieri reggiani che hanno portato all’individuazione dell’ingente partita di droga. In particolare l’attenzione dei militari si è rivolta a un sacchetto nero di medie dimensioni ben nascosto tra le siepi di un condominio.

Dentro al sacchetto sono stati trovati un chilo marjuana, un panetto del peso di circa un etto di hascisc ed un bilancino di precisione.