San Polo, vuole buttarsi dal balcone: salvata dai carabinieri

La donna, dopo una discussione con il figlio, voleva gettarsi dal terzo piano di un condominio del paese

SAN POLO (Reggio Emilia) – Vuole buttarsi dal balcone, salvata dai carabinieri. Ieri mattina i militari della stazione di San Polo, su input della centrale operativa, allertata da una residente, sono intervenuti in un condominio del paese dove era stata segnalata la presenza di una donna che voleva buttarsi dal terzo piano del suo condominio.

Arrivati sul posto i carabinieri hanno trovato il figlio della donna che ha confermato gli intenti suicidi della madre che voleva gettarsi dal terzo piano in seguito a una discussione per futili motivi avuta con il figlio pochi minuti prima. Nel frattempo i militari hanno visto che, in effetti, la donna sul balcone piangeva disperatamente e minacciava di gettarsi. La signora aveva già scavalcato in parte la ringhiera e aveva una gamba al di là del parapetto del balcone.

Mentre due militari, da sotto, cercavano di fare desistere la donna dai suoi intenti provando a tranquillizzarla (la signora continuava a ripetere che la sua vita non aveva più alcun senso e che avrebbe voluto farla finita gettandosi dal balcone), un altro carabiniere ha raggiunto l’appartamento della donna ed è entrato grazie alle chiavi fornitegli dal figlio.

Il militare ha raggiunto la camera dove si trovava la donna ed è riuscito ad agguantarla mentre si trovava ancora a penzoloni sul parapetto del balcone del suo appartamento. Nonostante la sua resistenza il carabiniere è riuscito a portarla incolume dentro casa. La signora è poi stata affidata alle cure mediche dei sanitari inviati dal 118 che l’hanno portata in ospedale per gli accertamenti del caso.