Coronavirus, il caso sospetto a Reggio Emilia negativo anche al secondo tampone

Se la nostra città tira un sospiro di sollievo, altrettanto non si può dire per Parma e Piacenza dove si registrano sette nuovi casi di positività che sono tutti riconducibili al focolaio lombardo

REGGIO EMILIA – E’ risultato negativo anche il secondo tampone effettuato sul sospetto contagiato ricoverato nel reparto infettivi del Santa Maria Nuova. Lo ha detto questa mattina il sindaco Luca Vecchi, in diretta su Telereggio. E’ un uomo sulla quarantina residente in città che, nei giorni scorsi, è stato ricoverato nel reparto infettivi del Santa Maria Nuova in osservazione per accertamenti.

La segnalazione è arrivata dall’Ausl di Milano. Lì infatti l’uomo avrebbe avuto un contatto diretto in ufficio con una persona affetta da coronavirus durante una giornata di lavoro.

Se Reggio tira un sospiro di sollievo, altrettanto non si può dire per Parma e Piacenza dove si registrano sette nuovi casi di positività al Coronavirus che sono tutti riconducibili al focolaio lombardo: cinque, di cui quattro cittadini lodigiani, riscontrati a Piacenza, e due cittadini della provincia di Parma, ricoverati in isolamento al reparto infettivi all’ospedale di Parma e in buone condizioni.

All’ospedale di Piacenza, si tratta della compagna, del figlio e della nuora di un paziente già riscontrato positivo e ricoverato sempre a Piacenza, tutti e tre del lodigiano: la compagna è isolata al suo domicilio, figlio e nuora sono ricoverati a Piacenza. Così come è della provincia di Lodi una quarta persona, un uomo, anch’esso ricoverato al nosocomio di Piacenza. La quinta è invece un’infermiera dell’ospedale piacentino, isolata a domicilio.

Due sono invece cittadini della provincia di Parma, entrambi ricoverati all’ospedale di Parma: una signora che si era recata più volte all’ospedale di Codogno, in Lombardia, per assistere la madre, e un uomo che si era recato sempre a Codogno per un evento di ballo.

Complessivamente, i casi di positività salgono così a 16, tutti sempre riconducibili al focolaio lombardo. Di questi, 6 ricoverati all’ospedale di Piacenza, 6 in isolamento a domicilio e 2 trasferiti dall’ospedale di Piacenza a quello di Parma, reparto Malattie infettive, dove si trovano anche i 2 pazienti parmigiani riscontrati positivi nelle ultime ore.