Seminario su “Conflitto sociale e rappresentanza nel primo dopoguerra”

Venerdì dalle 10 alle 18,30 nella sala Franca Viola della Camera del Lavoro

REGGIO EMILIA – Venerdì dalle 10 alle 18,30 si terrà in Camera del Lavoro, Sala Franca Viola un seminario storico dal titolo “Conflitto sociale e rappresentanza nel primo dopoguerra” (1919 – 1921). Per il movimento operaio il primo dopoguerra (1919-1921) fu una fase caratterizzata a livello sociale da estese lotte e movimenti radicali, nelle fabbriche e nelle campagne in molti paesi Europei e nel nostro paese,
con un forte coinvolgimento anche in Emilia Romagna.

Emersero conseguenze e problemi che investirono profondamente il rapporto con la rappresentanza politica e sindacale con sviluppi che influenzarono la fase successiva e che ancora oggi il movimento operaio, a conclusione di una intera fase storica, in piena crisi, si trova ad affrontare in un quadro profondamente trasformato.

L’iniziativa seminariale si propone di conoscere, approfondire e riflettere le vicende del conflitto sociale e della rappresentanza in quegli anni per uno sguardo sul passato che possa anche aiutare la riflessione sul presente e sul futuro.

Parteciperanno, nella sessione pomeridiana, gli storici Luca Baldissara, Università di Pisa; Mirco Carrattieri, Istoreco e Direttore Istituto Parri; Fabrizio Loreto, Università di Torino; Ignazio Masulli, Università di Bologna; Maria Grazia Meriggi, Università di Bergamo; Adolfo Pepe, Fondazione G. Di Vittorio

Introduce Ivano Bosco, Segretario della Camera del Lavoro di Reggio Emilia
Coordina Tiziano Rinaldini, Fondazione Claudio Sabattini. Nella sessione mattutina sono previsti gli interventi di Tommaso Cerusici, Archivio storico della Camera del Lavoro di Reggio Emilia e Romeo Guarnieri, Istoreco.

Sarà inoltre proiettato il film ” 1919 – 1920 a Torino: il biennio rosso dei consigli di fabbrica raccontato dai suoi protagonisti” realizzato dall’Archivio nazionale cinematografico della Resistenza.