Mori e Mammi (Pd): “Allarme bomba a Bibbiano, è gravissimo”

La candidata Dem al consiglio regionale: "Si lavori tutti assieme per riportare serenità". L'ex sindaco di Scandiano pure lui in corsa: "Bisogna smetterla con questo clima di odio"

REGGIO EMILIA – “Un episodio gravissimo, specchio del clima d’odio che si respira da quando e’ stata resa nota l’inchiesta sul caso ‘affidi’. In attesa che la magistratura si pronunci ritengo sia indispensabile lavorare tutti insieme per riportare serenita’, per il bene della comunita’, a partire dai bambini e dalle famiglie coinvolte nell’indagine”.

Cosi’ la candidata del Pd al Consiglio regionale Roberta Mori, esprime solidarieta’ all’amministrazione comunale di Bibbiano, all’Unione della Val d’Enza e a tutti coloro che lavorano nelle relative sedi evacuate stamattina in seguito a un allarme bomba. La telefonata minatoria e’ arrivata agli uffici dei Servizi Sociali.

Sulla vicenda interviene anche il candidato del Pd in Regione, Alessio Mammi, che aggiunge: “L’allarme bomba di Bibbiano ci deve riportare tutti alla responsabilità e al buonsenso: i lavoratori dell’ dell’unione Val d’Enza devono avere la tranquillità di uscire di casa la mattina e vivere sereni il proprio lavoro e la propria giornata. I valori di convivenza civile e di rispetto tra le persone non devono essere messi in discussione. La mia vicinanza è totale ai dipendenti dell’Unione e ai cittadini della Val d’Enza. Bisogna smetterla con questo clima di odio nei confronti di quelle comunità e delle persone per bene che le vivono e dove lavorano. Condivido appieno l’appello dei sindaci della Val d’Enza”.