La Reggiana stende il Ravenna: 3-1 foto

I granata, dopo un primo tempo non esaltante, giocano una buona ripresa. In gol Marchi, Kargbo e Scappini rientrato oggi dopo un lungo stop

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Ancor prima del fischio d’inizio tutto il “Città del Tricolore” si tinge nel ricordo di Francesco “Rinna” Rinaldini, storico supporter della Curva Sud deceduto il 22 dicembre scorso. Tornando al calcio giocato la Reggiana, al rientro dalla pausa natalizia, riparte con un successo grazie ai sigilli di Marchi, Kargbo e Scappini. Impatto positivo sia per il neo acquisto Favalli (in campo dal primo minuto) sia per Zamparo (al ritorno in granata). Mister Alvini è costretto a dare forfait in quanto febbricitante, al suo posto in sala stampa si presenta il DS Doriano Tosi che battezza così la partita: “Una vittoria di carattere, gioco non brillante”. Dopo questa vittoria i granata rosicchiano due punti a Carpi e Vicenza che hanno pareggiato. La Reggiana è terza in classifica a 41 punti. Davanti ci sono il Carpi a 42 e il Vicenza a 46.

Primo tempo
Casacca blaugrana per la Reggiana, t-shirt color giallo paglierino per la formazione romagnola. Purro prova a rendersi protagonista, ma non centra il bersaglio in quanto la conclusione si rivela così debole da non impensierire l’estremo difensore autoctono. Pochi attimi dopo D’Eramo si cimenta nell’imitare Alessandro Del Piero in un tiro a giro che si spegne a chilometri di distanza dalla porta difesa da Venturi, esperimento non riuscito. Da annotare sul taccuino l’uscita anticipata dal verde rettangolo di Sirri causa risentimento muscolare.

I granata non stanno di certo a guardare: dalla corsia di sinistra Martinelli serve un filtrante perfetto per Marchi il quale, rammentando di avere alle spalle anni di danza classica, si cimenta in una spaccata volta a colpire la sfera, peccato che quest’ultima si spenga sul fondo. Tutto un programma il tecnico Alvini a percorre in lungo e il largo l’area tecnica nel seguire e contestualmente dettare ogni singolo movimento dei propri giocatori. Allo scoccare del trentacinquesimo minuto la Reggiana insacca la rete del momentaneo vantaggio in stile flipper: da calcio piazzato Radrezza colpisce la base del palo, palla che carambola sul piede di Kargbo per poi impattare sul volto di Marchi e terminare nel sacco.

In chiusura di sipario sul primo atto Giuseppe Giovinco, imitando le gesta del fratello Sebastian (alias la “formica atomica” ex Juventus) si diletta in una serpentina a disorientare la retroguardia di casa e servire l’assist perfetto per Nocciolini che da distanza ravvicinata fallisce il possibile pareggio mandando su tutte le furie il proprio tecnico Foschi.

Secondo tempo
Si riparte nel segno di Rossi a liberare un missile terra aria bloccato in modalità superman da Cincilla. E’ la volta di Kargbo che, spalle alla porta e sul pressing del diretto rivale, compie una rotazione su se stesso per poi bissare il risultato consentendo all’ugola del tifoso reggiano di esplode ancora una volta. L’esultanza viene strozzata pochi attimi dopo in quanto Nocciolini si inventa il diagonale perfetto che non lascia scampo a Venturi esente da colpe. Ha inizio la girandola di sostituzioni. Il tris è servito: Scappini, subentrato in corso d’opera a Kargbo, come un falco piomba sulla preda beffando il cacciatore. Quale miglior modo iniziare l’anno con tre punti.

Il tabellino

REGGIANA – RAVENNA: 3 – 1

Marcatori: 35’ Marchi (REG), 56’ Kargbo (REG), 64’ Nocciolini (RAV), 80’ Scappini (REG).

REGGIANA (3-4-1-2): Venturi; Martinelli, Espeche, spanò; Favalli (dal 76’ Lunetta), Rossi, Staiti (dal 85’ Zanini), Libutti; Radrezza (dal 70’ Valencia); Marchi (dal 70’ Zamparo), Kargbo (dal 76’ Scappini). A disposizione: Voltolini, Santovito, Haruna, Brodic, Muro, Galeotti. Allenatore: Massimiliano Alvini.

RAVENNA (3-5-2): Cincilla; Caidi, Sirri (dal 12’ Nigretti, dal 61’ Grassini), Ronchi; Zambataro (dal 89’ Fiorani), D’Eramo, Papa (dal 61’ Selleri),Purro, Lora (dal 61’ Mawuli) ; Giovinco, Nocciolini. A disposizione: Spurio, Ricchi, Bezzi, Mustacciolo, Jidayi. Allenatore: Luciano Foschi.

Arbitro: Daniele Rutella sez. di Enna (Assistenti: Alessandro Maninetti sez. di Lovere, Nicola Tinello sez. di Rovigo).

Note – Ammoniti: Nigretti, Rossi, Martinelli, Valencia. Angoli: 5 – 1. Recupero:3’ pt. – 4’ st.

Più informazioni su