Einaudi pubblicherà un inedito di Silvio D’Arzo

La biblioteca Panizzi, nel centenario della nascita dello scrittore reggiano, ha stipulato un contratto con la casa editrice per stampare l'opera, incompiuta, che si chiama "Gec dell'avventura"

REGGIO EMILIA – La biblioteca Panizzi ha stipulato un contratto con Einaudi per pubblicare un’opera inedita dello scrittore reggiano Ezio Comparoni, in arte Silvio D’Arzo, intitolata “Gec dell’avventura”.

L’opera fa parte di un fondo di cui il Comune è entrato in possesso, che contiene un gran numero di scritti e manoscritti originali dello scrittore di “Casa d’altri”, grazie alla donazione di Paola Neri. Quest’ultima, un’insegnante di 58 anni, è stata allieva della professoressa Enrichetta Testa, vedova del professor Rodolfo Jodi Macchioni. Il professore era venuto in possesso di molti scritti di Comparoni, scomparso nel 1952, dato che la madre dello scrittore, quando morì il figlio, glieli aveva recapitati come stima per il fatto che Macchioni fosse stato il primo a valorizzare la figura di D’Arzo in ambito letterario.

Quando morì Enrichetta Testa, in virtù di espresse disposizioni testamentarie del marito, gli scritti passarono poi a Paola Neri che così, nel 2015, entrò in possesso dell’intero “Fondo Silvio D’Arzo/Macchioni Jodi” insieme a tutti gli altri scritti. La signora Neri ha ritenuto la documentazione direttamente riferibile all’ambito dei Beni culturali e quindi meritevole di tutela pubblicistica.

Visto che Macchioni è stato vicedirettore della biblioteca, gli è stata dedicata una sala in cui è finito il fondo letterario che la signora Neri ha donato nel dicembre del 2015. Nella donazione, oltre al fondo, sono stati compresi anche tutti i diritti esclusivi e di utilizzazione delle opere letterarie.

E così nel 2016 la direzione della Panizzi ha comunicato ad Einaudi la volontà di subentrare nei contratti in corso che disciplinavano i rapporti relativi ai diritti dell’autore Silvio D’Arzo. Dato che quest’anno ricorre il centenario della nascita di Comparoni, per celebrare adeguatamente questa ricorrenza il Comitato scientifico per lo studio e la valorizzazione del Fondo Silvio D’Arzo-Rodolfo Macchioni Jodi ha deciso di contattare Einaudi per fare pubblicare il manoscritto inedito e incompiuto di D’Arzo, intitolato “Gec dell’avventura” nella collana “Letture”.

Il contratto prevede una somma di 1.500 euro come anticipo a valere su tutti i futuri compensi originati per la biblioteca Panizzi e per il Comune. Le restanti somme, che sono previste dal contratto in percentuale sulla base delle vendite, non essendo attualmente quantificabili, saranno accertate successivamente.