Droga per studenti via Telegram: minorenne denunciato

Spaccio continuato l’accusa mossa a un 17enne dai carabinieri di San Polo

SAN POLO (Reggio Emilia) – Un 17enne è stato denunciato per spaccio continuato, al tribunale dei minori di Bolgona, dai carabinieri di San Polo. Tutto è partito da un’attività di monitoraggio di giovani in età scolare che, nei giorni scorsi, ha portato al fermo di uno studente trovato in possesso di mezzo grammo di marijuana e di uno spinello già confezionato. Aveva con sé anche un bilancino che usava per verificare il quantitativo che acquistava per suo uso personale. Il 18enne è stato segnalato come assuntore di sostanze stupefacenti.

La segnalazione del giovane alla Prefettura reggiana è stato un primo step dell’attività condotta dai carabinieri sampolesi che, attraverso l’analisi dello smartphone del giovane, hanno trovato messaggi su Telegram il cui contenuto rimandava all’acquisto di stupefacenti. Le attenzioni dei carabinieri di San Polo si sono concentrate sul 17enne che avrebbe venduto la droga al 18enne.

Pur non essendo stato trovato in possesso di stupefacenti, a carico del 17enne ci sono i messaggi su Telegram che dimostrerebbero l’illecita attività di spaccio a favore del 18enne. Tra i vari messaggi anche uno di lamentela da parte del suo cliente che, in occasione di uno deli ultimi acquisti di stupefacente, ne sottolineava la scarsa qualità dato che “l’erba acquistata non aveva sballato nessuno”.