Brescello, ricatto a luci rosse: denunciate tre persone

Accusati di associazione a delinquere finalizzata all'estorsione un 19enne, un 21enne e una minorenne di Ancona che si sono fatti mandare in chat foto erotiche e poi hanno estorto 8mila euro a un giovane brescellese

BRESCELLO (Reggio Emilia) – I carabinieri di Brescello, ieri, hanno denunciato tre giovani, tutti abitanti in provincia di Ancona, per associazione per delinquere finalizzata all’estorsione. Le indagini sono iniziate nel febbraio 2019, quando un giovane brescellese si era rivolto ai militari del paese denunciando di essere vittima di un’estorsione da parte di alcune persone conosciute in chat.

Dopo i primi approcci, il giovane, fidandosi della genuinità dei suoi interlocutori, ha iniziato a scambiare con loro hot, fino a quando non sono arrivate le minacce di rendere pubbliche le sue immagini se non avesse provveduto a ricaricare una carta di credito da loro indicata. Costretto dalla situazione, quindi, il brescellese ha effettuato numerose ricariche della carta per un importo complessivo di oltre 8.000 euro, fino a quando, non riuscendo più a soddisfare le loro richieste si è rivolto agli uomini dell’Arma.

Le indagini avviate dai militari di Brescello hanno consentito, attraverso i numeri di telefono forniti dal denunciante e gli estremi della carta di credito, di identificare tre giovani, due uomini di 19 e 21 anni e una ragazza minorenne, tutti abitanti in provincia di Ancona. I tre sono stati denunciati per associazione per delinquere finalizzata all’estorsione.