Angeli e Demoni, fuori da inchiesta il direttore Ausl Nicolini

Sono state stralciate anche le posizioni del capo della comunicazione Gazzotti e dell'ex sindaco di Cavriago, Paolo Burani

REGGIO EMILIA – Sono quella del direttore generale dell’Ausl di Reggio Emilia Fausto Nicolini, della dirigente della Comunicazione dell’Azienda sanitaria Federica Gazzotti e dell’ex sindaco di Cavriago Paolo Burani, le tre posizioni stralciate nell’inchiesta sui minori della val d’Enza, di cui si sono concluse ieri le indagini. A queste si aggiunge quella, gia’ archiviata, dell’avvocato reggiano Marco Scarpati.

Per Nicolini e Gazzotti l’accusa mossa inizialmente era di abuso d’ufficio. Sulla conclusione delle indagini interviene intanto il consigliere regionale (ricandidato) Gabriele Delmonte, che commenta: “Ora attendiamo le richieste di rinvio a giudizio, garantisti come siamo sempre stati, e fiduciosi che venga finalmente fatta chiarezze e giustizia per i bambini e le loro famiglie che, secondo le accuse, sarebbero stati vittime di reati terribili” (Fonte Dire).