Via Turri, sequestrato “ostello” per irregolari

Denunciato un cinese 60enne: affittava posti letto ad otto connazionali

REGGIO EMILIA – Un intero appartamento di via Turri e’ stato sequestrato dalla Polizia, che ha denunciato un cittadino cinese di 60 anni per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. L’alloggio che aveva preso regolarmente in affitto, lo aveva infatti messo a disposizione dietro pagamento di una retta di suoi otto connazionali.

Quattro di questi, (un uomo e tre donne), sono risultati irregolari sul territorio nazionale. E’ emerso da una verifica condotta dalla Polizia di Stato del distacamento di via Turri, insieme ad agenti della Polizia locale. Tutti gli inquilini dell’appartamento hanno dichiarato di pagare al titolare del contratto di locazione una retta per un posto letto di 15 euro al giorno per le donne e cinque euro per gli uomini.