Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Unicredit, il piano taglia 8mila dipendenti e 500 filiali

Via 12% del personale in Italia, Germania, Austria. Impegno a creare 16 miliardi di valore per soci. Nel 2023 utile salirà a 5 miliardi. Mustier, considereremo solo piccole acquisizioni. La rabbia dei sindacati

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Unicredit ridurrà il personale di circa 8.000 unità nell’arco del piano 2020-2023 mentre l’ottimizzazione della rete di filiali porterà alla chiusura di circa 500 sportelli. Lo si legge in una nota della banca.

Gli 8.000 tagli del personale Unicredit si concentreranno soprattutto in Italia, Germania e Austria, dove il personale verrà ridotto complessivamente del 12% e verrà chiuso il 17% delle filiali. Il nostro Paese appare destinato a sostenere la parte più consistente degli esuberi: degli 1,4 miliardi di euro di costi di integrazione stimati per la loro gestione, infatti, 1,1 miliardi riguarderanno l’Italia (pari al 78% del totale) e solo 0,3 miliardi l’Austria e la Germania. Lo si legge nelle slide sul piano strategico.

Unicredit punta a creare 16 miliardi di valore per gli azionisti nell’arco del piano 2020-2023 e aumentare al 40 per cento la distribuzione di capitale per il 2019. Il piano strategico di Unicredit prevede di realizzare un utile di 5 miliardi di euro nel 2023, con una crescita aggregata dell’utile per azione di circa il 12% nel periodo 2018-2023. Il ritorno sul capitale tangibile (rote) sarà “pari o al di sopra dell’8%” per tutto il piano, si legge in una nota.

“Preferiamo il buyback alle fusioni e solo piccole acquisizioni bolt-on”, cioè che integrano le attività della banca, “saranno prese in considerazione”. Lo dice il ceo di Unicredit, Jean Pierre Mustier nella call con le agenzie.

“Pensiamo che in certi settori sia importante raggiungere una massa critica, in questi campi la nostra strategia è di lavorare con dei partner piuttosto che di fare da soli”. Lo sottolinea il ceo di UniCredit, Jean Pierre Mustier, nella call con l’agenzie ad una domanda su quale sia la strategia del gruppo sulla bancassurance. “Il contesto regolamentare è favorevole per le banche grazie al Danish compromise, ma probabilmente non durerà per sempre” e per questo “non vogliamo prenderci rischi sul fronte regolamentare”, sottolinea Mustier.

La rabbia dei sindacati
La banca avvierà pertanto a breve una trattativa con i sindacati per la gestione degli esuberi. Finora, ricorda Mauro Incletolli, della First Cisl, “non è mai stato licenziato alcun bancario, grazie al fondo esuberi. Ma a nostro giudizio gli esuberi restano un errore madornale: Unicredit, che in Italia ha circa 38.000 dipendenti, è già in carenza di organico. Noi chiediamo che a fronte delle uscite ci siano altrettante assunzioni di giovani”.

Ancora più dura la Fabi, il sindacato autonomo dei bancari: il segretario Lando Sileoni ricorda come “gli 8.000 posti esuberi inseriti nel nuovo piano industriale si andrebbero ad aggiungere ai 26.650 posti di lavoro tagliati a partire dal 2007. Stesso discorso per gli sportelli: ne sono stati chiusi 1.381 e Mustier ne vorrebbe chiudere altri 500, recidendo ancora di più il rapporto con la clientela e il legame col territorio”.

Netta anche la reazione che arriva dalla Cgil, per bocca del leader Maurizio Landini: “Diciamo no e diciamo basta. Il lavoro non può essere considerato una merce che si prende quando serve e si butta quando fa comodo. Unicredit annuncia 8 mila esuberi e chiude i primi nove mesi con un utile di 4,3 miliardi. Questo non è fare impresa, è essere irresponsabili. Non lo possiamo accettare. Il governo non può accettarlo. Prima di aprire un gravissimo conflitto Unicredit riveda tutto. Ritiri quanto ha improvvidamente annunciato e, prima di compiere azioni gravi e irreparabili, discuta con il sindacato”.

Più informazioni su