Parmigiano Reggiano, 500mila euro per tutelare il marchio all’estero

Sono inoltre 27 i milioni (contro i 22,4 milioni del preventivo 2019) dedicati a investimenti promozionali per lo sviluppo della domanda in Italia e all'estero

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Ben 500mila euro stanziati per le azioni di tutela legale del marchio “Parmigiano reggiano” all’estero. E’ una delle voci previste nel bilancio preventivo 2020 del Consorzio del Re dei formaggi, approvato oggi a Reggio Emilia dall’assemblea dei soci. Sono inoltre 27 i milioni (contro i 22,4 milioni del preventivo 2019) dedicati a investimenti promozionali per lo sviluppo della domanda in Italia e all’estero.

Sul mercato nazionale, nello specifico, si prevedono investimenti (su programmi in-store, campagne pubblicitarie, sponsorizzazioni, fiere ed eventi e vendite dirette) per un totale di 15 milioni, mentre saranno circa 6 quelli dedicati all’attuazione del Progetto “Premium 40 mesi” per lanciare il segmento delle lunghe stagionature. L’export rivestira’ un ruolo chiave in ottica di sostegno del mercato: 6 i milioni di euro per lo sviluppo dei mercati internazionali.

L’anno prossimo si prevede infine un moderato incremento della produzione che portera’ il numero delle forme a quota 3,7 milioni. I ricavi totali attesi sono da record: 41 milioni(contro i 38,4 del 2019). “Affinche’ la filiera del Parmigiano Reggiano si posizioni su una traiettoria di crescita forte e di lungo periodo dobbiamo investire in comunicazione sia in Italia sia all’estero per sottolineare ulteriormente i plus di prodotto: dalla naturalita’ del Parmigiano Reggiano alle sue biodiversita’, passando per le lunghe stagionature”, spiega il presidente del Consozio Nicola Bertinelli.

Tra le novita’ annunciate anche il lancio del nuovo sito web del Consorzio che, gia’ dai primi mesi del 2020, mettera’ a disposizione dei consorziati una piattaforma di marketplace per incrementare le vendite dirette dei caseifici.

Più informazioni su