Comune, 100 milioni in tre anni per la cura della città

Presentato il nuovo piano dei lavori pubblici fino al 2022

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Nessuna opera faraonica ma un volume massiccio di investimenti – 100 milioni in tre anni – dedicato a 360 gradi alla cura della citta’. E’ il profilo del nuovo piano dei lavori pubblici del Comune di Reggio Emilia 2020-2022, il primo del nuovo mandato amministrativo del sindaco riconfermato Luca Vecchi. Su verde pubblico, impianti sportivi, arredi urbani e manutenzione di strade e scuole, si prevedono in particolare 54 milioni nell’anno che iniziera’ tra poco, 31 milioni nel 2021, e circa 15 milioni nel 2022.

Tutti gli interventi, sottolinea l’assessore al Bilancio Daniele Marchi vengono finanziati senza ricorrere all’alienazione di azioni di Iren, ma per il 46% facendo nuovi mutui, per il 22% con risorse proprie comunali in gran parte derivanti da oneri di urbanizzazione e per la stessa quota parte da trasferimenti pubblici da Regione, Stato o Unione europea.

Per la prima volta dal 2005 – e’ l’altra novita’ del piano triennale – torna quindi a salire il livello di indebitamento del Comune che passa dai 60 milioni del 2019 (347 euro a testa per ogni cittadino reggiano) a circa 70 milioni (408 euro procapite di debito per abitante). Nulla a che vedere, tuttavia, con il livello di indebitamento del 2005, quando ogni cittadino si faceva carico di 1.150 euro dell’indebitamento.

Da sottolineare inoltre, continua Marchi, “che le rate dei mutui saranno meno ‘pesanti’ visti gli interessi meno alti del passato”. Gli oneri di urbanizzazione che il Comune investe nelle opere aumentano leggermente: si attesteranno a 3,3 milioni alla fine di quest’anno, saliranno a 4,2 milioni nel 2020 e resteranno sopra i 4 milioni anche nei due anni successivi.

Scorrendo il piano si registrano nello specifico 11 milioni e mezzo per la messa in sicurezza delle scuole e 7,2 per gli impianti sportivi, compresi quelli previsti nei dintorni dell’arena della musica al Campovolo. Ammontano poi a 8 milioni le risorse complessive stanziate sul verde pubblico, campo in cui si prevedono 15.000 nuovi alberi in citta’ nei prossimi tre anni.

E ancora 5,5 milioni per la viabilita’ (strade, marciapiedi, piste ciclabili e ponti) e altrettanti per interventi sui quartieri, compreso il centro storico, dove si procedera’ con il restyling di piazza San Prospero. Insomma, commenta il sindaco Luca Vecchi, “un piano per la citta’ non settoriale e il primo risultato concreto del lavoro svolto in questi mesi che consente di misurare la cifra delle ambizioni dei progetti con opere che non sono propaganda”.

Valeria Montanari, assessore con delega anche alla Cura dei quartieri, informa invece della prima indagine sulla “customer satisfaction” avviata dal Comune su un’opera pubblica: la nuova scuola media di Bagno. “Un questionario sottoposto alle mamme dei 200 bambini che frequentano la scuola che ha dato buoni risultati. Un’azione – dice Montanari – che vogliamo estendere”.

Più informazioni su