Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Brexit, Johnson vuole passaporto e visti stile Usa per i cittadini Ue

La ministra dell'Interno conferma la promessa giro di vite sull'immigrazione

REGGIO EMILIA – Un sistema elettronico di controllo degli ingressi, simile all’Esta in vigore per i visti di accesso negli Usa, anche per poter entrare in Gran Bretagna. E’ ciò cui dovranno sottoporsi tutti i cittadini stranieri, inclusi quelli dei Paesi Ue, dopo la Brexit e il successivo periodo di transizione nel rispetto dello status quo previsto per ora fino al 31 dicembre 2020. Almeno stando ai programmi in materia di immigrazione del partito conservatore di Boris Johnson, illustrati oggi dalla sua ministra dell’Interno, Priti Patel.

Quindi se Johnson vincesse le elezioni del 12 dicembre e portasse a termine i suoi piani, tutti i cittadini europei che dal 1 gennaio 2021 vorranno entrare anche solo da turisti nel Regno Unito dovranno avere un passaporto e compilare preventivamente un modulo simile al cosiddetto Esta per superare il confine degli Stati Uniti. Bisognerà avere l’ok di ingresso tre giorni prima dell’arrivo in qualsiasi aeroporto britannico, altrimenti si verrà rispediti a casa.