Violenza sulle donne, a Reggio Emilia una al giorno in ospedale

Sempre nel 2018 la questura ha rilevato 141 casi di maltrattamento, 101 di stalking e 48 di violenza sessuale.

REGGIO EMILIA – Nel 2018 a Reggio Emilia le donne vittime di violenza giunte al Pronto soccorso sono state 359, quasi una al giorno, in aumento di circa il 2% rispetto all’anno precedente. È uno dei dati che fotografa a livello locale – nella giornata mondiale della lotta a questo fenomeno – la situazione della violenza maschile contro le donne. Numeri a cui si aggiungono quelli degli altri attori del tavolo interistituzionale sul tema, attivo da anni a Reggio.

Sempre l’anno scorso la questura ha rilevato 141 casi di maltrattamento 101 di stalking e 48 di violenza sessuale. In aumento i provvedimenti di ammonimento, piu’ che triplicati rispetto agli anni precedenti. Circa 168 donne prese in carico dal Servizio sociale del Comune, nello stesso periodo, hanno dichiarato di aver subito violenza da parte di un uomo. Di queste, l’80% ha dichiarato che l’autore delle violenze e’ l’attuale partner. Si tratta soprattutto di donne straniere tra i 30 e i 49 anni.

Il centro antiviolenza “Casa delle Donne”, gestito dall’associazione “Nondasola” ha invece accolto 334 vittime di abusi, in maggioranza italiane. Infine il Forum delle donne giuriste richiama i 16 ricorsi per Ordine di protezione presentati (da donne italiane) di cui otto accolti, quattro definiti con un accordo e quattro respinti.

“Reggio Emilia – dice il sindaco Luca Vecchi – e’ stata una citta’ pioniera nell’assumere un impegno forte e continuativo nel contrasto della violenza sulle donne”. Ma “nonostante questo grande livello di attenzione e consapevolezza quasi una donna al giorno si rivolge ai centri antiviolenza: questo significa fiducia in chi da’ aiuto, ma anche che non dobbiamo abbassare la guardia e rilanciare con maggiore forza la promozione di una cultura del rispetto delle donne”.