Migranti, la Lega: “Provocazione in vista dell’arrivo di Salvini a Reggio”

Il leader del Carroccio è atteso in città sabato sera

REGGIO EMILIA – “Un atto puramente provocatorio alla vigilia dell’arrivo in citta’ di Matteo Salvini”. Il capogruppo della Lega in Comune a Reggio Emilia, Matteo Melato, commenta cosi’ la decisione del sindaco Luca Vecchi di autorizzare l’iscrizione al registro dell’anagrafe dei richiedenti asilo, presa a pochi giorni dall’arrivo del leader nazionale del Carroccio, atteso in citta’ per sabato sera.

“La norma prevista nel decreto sicurezza dell’ex ministro dell’Interno – ricorda Melato – era inserita in un pacchetto che aveva come fine contrastare il traffico di essere umani che provocava migliaia di morti nel Mediterraneo ed un business che si era creato intorno alla gestione dei migranti. Decreti che avevano portato ad ottimi risultati, prima dell’arrivo del Governo giallo rosso, con un crollo degli sbarchi e dei morti in mare”.

Questa direttiva, continua il consigliere, “e’ stata fatta in fretta e furia ed ha addirittura anticipato una mozione presentata dallo stesso Pd, ma non ancora calendarizzata, in Consiglio comunale”. Insomma, “il sindaco Luca Vecchi, che si appella ad uno scarno indirizzo giurisprudenziale, cancella di fatto in questo modo un altro tassello della lotta all’immigrazione clandestina attuata da Matteo Salvini senza aspettare l’intervento legislativo piu’ volte tentato dal Pd nazionale in questa esperienza di Governo, mai andato a buon fine, provocando parecchi malumori nel rapporto con i 5 stelle”.

Ma, conclude Melato, “questa azione provocatoria non fara’ altro che stringere ancora di piu’ i reggiani intorno a Matteo Salvini questo sabato, consapevoli del fatto che e’ l’unica persona che puo’ arginare questo fenomeno che in citta’ ha provocato parecchi problemi quali spaccio, accattonaggio molesto ed aggressioni”.