Lattemilia, ricerca e innovazione al servizio del benessere animale e del Parmigiano Reggiano

Presentati alla Cantina Albinea Canali i report delle ricerche che hanno coinvolto università e allevamenti nel progetto di LattEmilia

REGGIO EMILIA – La Cantina Albinea Canali ha ospitato il convegno promosso da LattEmilia, “La bovina da latte nella zona del Parmigiano Reggiano: innovazione e tradizione per un allevamento sostenibile e per prodotti di qualità”. Durante l’iniziativa sono stati illustrati i report delle ricerche nell’ambito del Programma Regionale di Sviluppo Rurale 2014-2020 – Gruppi operativi del partenariato europeo per l’innovazione: “Produttività e sostenibilità dell’agricoltura”.

Il progetto ha coinvolto le Università del territorio (Modena e Reggio Emilia, Parma, Bologna) e si è sviluppato in un programma di attività riguardanti il miglioramento delle tecniche di allevamento e di alimentazione delle bovine, le condizioni di benessere degli animali, il quadro economico delle aziende partecipanti.

In particolare gli obiettivi che hanno indirizzato le ricerche sono stati: perseguire una maggiore longevità delle bovine e relativo benessere animale; adottare tecniche di alimentazione più consone alla fisiologia ruminale, mirate ad aumentare salute, longevità e fertilità delle bovine; analizzare la validità economica di modelli di produzione aziendali basati su vacche longeve; sviluppare nuovi prodotti lattiero caseari per valorizzare il latte prodotto nella filiera del GOI, con packaging idoneo; monitoraggio e benchmarking aziendali tecnico ed economico. Questo percorso è stato sviluppato attraverso: analisi dei dati storici dei controlli funzionali in area Parmigiano-Reggiano; indagine sulle tecniche di alimentazione in uso nelle stalle aderenti al progetto; analisi degli alimenti; valutazione delle caratteristiche compositive del latte e dei prodotti tradizionali derivati; valutazione del benessere animale e dei sistemi di stabulazione.

Inoltre, sono stati presentati i nuovi prodotti lattiero-caseari accompagnati da caratterizzazione nutrizionale, compositiva, sensoriale, analisi di mercato e studio di packaging.

Durante il convegno sono intervenuti: il presidente di Lattemilia, Luciano Sartori; Patrizia Alberti – Servizio innovazione, qualità, promozione e internalizzazione del Sistema Agroindustriale DG Agricoltura regione Emilia Romagna; Pierfrancesco Antonini – Studio Foqus; Luisa A.Volpelli – Responsabile del progetto di ricerca del Goi, UNIMORE; Carlo Pontiroli – Montanari & Gruzza S.p.a. Ha portato il saluto il Presidente di Legacoop Emilia Ovest, Edwin Ferrari.

A seguire, si è tenuta la carrellata delle relazioni: “Tecniche di alimentazione” di Luisa A.Volpelli – Dipartimento di Scienze della Vita, UNIMORE; “Il benessere animale negli allevamenti bovini da latte” di Alessandro Gastaldo – Fondazione CRPA Studi e Ricerche, “L’analisi economica negli allevamenti del Gruppo Operativo” di Alberto Menghi – Fondazione CRPA Studi e Ricerche; “Caratterizzazione chimica e nutrizionale del latte e dei prodotti derivati”, di Milena Povolo – CREA Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria; “Messa a punto di prodotti lattiero-caseari innovativi nella filiera del Parmigiano Reggiano” di Fabio Coloretti – Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro- Alimentari (DISTAL) UNIBO; “Caratterizzazione sensoriale e consumer test dei nuovi prodotti lattiero-caseari” di Valeria Musi – CRPA LAB – CRPA S.p.a. Reggio Emilia; “Innovazione nel packaging e nei trattamenti di prodotti lattiero-caseari nella filiera del Parmigiano Reggiano” di Giuseppe Vignali – Dipartimento di Ingegneria e Architettura UNIPR.