Troppo smog, scattano le misure d’emergenza

Da domani, fino a giovedì, dalle 8.30 alle 18.30 non possono circolare tutti i veicoli a benzina pre-euro ed euro 1, diesel pre-euro, euro 1, 2, 3 e 4 e ciclomotori e motocicli pre-euro

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Scatteranno domani e resteranno in vigore per i prossimi tre giorni le misure emergenziali previste dal piano 2020 della Regione Emilia-Romagna a causa del superamento, per quattro giorni consecutivi, del valore limite giornaliero delle polveri sottili pm10 nella nostra provincia.

L’allerta smog scatta in particolare a Reggio, Rubiera, Modena, Sassuolo, Carpi, Formigine, Castelfranco. I divieti resteranno in vigore almeno fino a giovedi’, il prossimo giorno di controlli. Con le misure emergenziali, si aggiunge il divieto di circolazione anche per i veicoli diesel euro 4 in tutta l’area cittadina compresa all’interno delle tangenziali. Il divieto di circolazione per i diesel euro 4 era gia’ previsto gli anni scorsi, in caso di attivazione delle misure di emergenza.

Previsti anche il divieto di utilizzo di biomasse per il riscaldamento delle unita’ immobiliari dotate di riscaldamento multicombustibile, l’obbligo di ridurre di almeno un grado la temperatura negli ambienti di vita riscaldati (al massimo 19 gradi, piu’ due di tolleranza, nelle case, negli uffici, nei luoghi per la attivita’ ricreative o di culto, nelle attivita’ commerciali e nelle attivita’ sportive e fino a 17 gradi, piu’ due di tolleranza, nelle sedi di attivita’ industriali e artigianali), con l’esclusione di ospedali, cliniche, case di cura e istituti scolastici, il divieto di bruciare sterpaglie, residui di potatura, simili e scarti vegetali di origine agricola in tutto il territorio comunale. Vietate anche biomasse (legna, cippato) cosi’ come lo spandimento di liquami.

Più informazioni su