Tangenziale di Rubiera, via libera al percorso Sud con migliorie

I sindaci trovano un'intesa a patto di non alterare i tempi gia' previsti nella convenzione con il soggetto realizzatore, AutoCs

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Si’ al via ai lavori della prima parte della Campogalliano-Sassuolo previsti a gennaio. E si’ al tracciato sud della tangenziale di Rubiera, quello inizialmente previsto e atteso da anni, anche se con la riserva di approfondire eventuali migliorie del percorso e a patto di non alterare i tempi gia’ previsti nella convenzione con il soggetto realizzatore, AutoCs.

“Forse”, invece, al progetto piu’ ambizioso di collegare la nuova viabilita’ all’anello delle tangenziali di Reggio Emilia, liberando cosi’ dal traffico non solo Rubiera, ma anche le frazioni del capoluogo di Masone e Bagno. Questo in sostanza l’esito dell’incontro avuto ieri al ministero dei Trasporti dai sindaci di Reggio Emilia Luca Vecchi, di Rubiera Emanuele Cavallaro e di Casalgrande Giuseppe Daviddi, sulla tangenziale di Rubiera, finita al centro di uno scontro tra le istituzioni per la la proposta di alcuni cittadini di ipotizzare un nuovo tracciato a nord dell’abitato.

Presente all’incontro anche Giorgio Zanni, presidente della Provincia di Reggio Emilia, investito del compito di coordinare quanto prima un tavolo tecnico locale. Le istituzioni reggiane hanno infine chiesto al ministro Paola de Micheli di “attivare immediatamente il nuovo collegamento tra la sponda modenese e quella reggiana con il nuovo ponte sul Secchia” (gia’ inserito nella realizzazione della Campogalliano-Sassuolo), programmandone inoltre “l’immediato collegamento” con la SP51 (lato reggiano) e con la viabilita’ modenese e garantendo in questo modo la fruibilita’ di una nuova “rotta” verso Modena.

Più informazioni su