Smog, ecco le fermate bus che riducono l’inquinamento

Dieci pensiline sono state dotate di un innovativo pannello che ripulisce l'aria

REGGIO EMILIA – A Reggio Emilia 10 pensiline delle fermate degli autobus della citta’ saranno dotate di pannelli realizzati con “theBreath”, un rivoluzionario tessuto multistrato progettato per ridurre l’inquinamento atmosferico prodotto da smog, riscaldamento e emissioni industriali. Lo prevede un innovativo progetto (lanciato da Agenzia Mobilita’ in collaborazione con l’azienda di comunicazione Urban Design e finanziato dal Centro Palmer srl) per migliorare la qualita’ dell’aria attraverso un’azione integrata che coniughi i temi dell’ambiente e della mobilita’.

Prodotto dall’azienda italiana Anemotech di Milano, il tessuto multistrato “theBreath” e’ caratterizzato da una tecnologia innovativa in grado di assorbire, trattenere e disgregare le molecole inquinanti presenti nell’atmosfera migliorando cosi’ la qualita’ dell’aria dell’ambiente circostante. La sua trama e’, infatti, formata da due strati esterni in materiale stampabile e traspirante (che consentono dunque il passaggio in entrata e in uscita dell’aria) e da un’anima intermedia, costituita da una cartuccia in fibra carbonica, capace di “catturare” le sostanze volatili nocive per poi rimettere in circolo aria purificata.

Il tutto sfruttando il flusso passivo dell’aria – che e’ in continuo movimento – e, quindi, senza bisogno di ricorrere a fonti energetiche aggiuntive. Una tecnologia che, viene sottolineato, e’ in grado di abbattere tutti i principali di tipi di inquinanti atmosferici. In dettaglio su ogni pensilina delle fermate prescelte sara’ installato un pannello, largo 125 centimetri e alto 135, posto al centro delle vetrate. Si tratta per lo piu’ di zone alle porte del centro storico, scelte considerando quelle piu’ trafficate (Porta S.Croce, Viale Dei Mille, Viale Timavo, Porta S.Pietro, Viale Piave).

“Ci siamo posti l’obiettivo di conciliare, su strutture esistenti, forme di comunicazione con tecnologie che, allo stesso tempo, contribuiscano a migliorare la qualita’ dell’aria”, spiega Michele Vernaci, amministratore unico di Agenzia Mobilita’. Adottando quindi “una soluzione energy free efficiente e proiettata al futuro”, prosegue Vernaci, prodotta da un’azienda “in linea con le attuali politiche sociali ed energetiche”. Vernaci fa sapere che “e’ solo l’inizio di alcuni interventi che l’Agenzia sta mettendo in campo non solo per migliorare la qualita’ dell’aria, ma anche per ottimizzarel’accessibilita’ al trasporto pubblico”.

“Qualsiasi intervento che abbatta gli effetti dell’inquinamento va sostenuto. La situazione di costante emergenza che viviamo nella pianura padana impone scelte a tutti i livelli e questa iniziativa puo’ dare il proprio contributo creando un positivo esempio da replicare ovunque”, commenta l’assessore alla Mobilita’ del Comune di Reggio Emilia, Carlotta Bonvicini. “Bello sapere che, da oggi, la nostra tecnologia contribuisce a rendere piu’ pulita e pura l’aria di questa meravigliosa citta’. Viviamo in un mondo circondato dallo smog: sconfiggerlo al 100% e’ ancora difficile, ma combatterlo e’ possibile. E la tecnologia oggi puo’ darci davvero una mano”, sottolinea infine Gianmarco Cammi, direttore operativo di Anemotech.