Reggiolo, lite a bottigliate in un bar: un arresto

Un clandestino marocchino di 36 anni è finito in manette per resistenza a pubblico ufficiale: il cliente con cui si è azzuffato è fuggito

REGGIOLO (Reggio Emilia) – Un 36enne marocchino clandestino è stato arrestato mercoledì mattina, in un bar di Reggiolo, per resistenza a pubblico ufficiale. Il nordafricano si era picchiato con un altro cliente, che si è allontanato prima dell’arrivo dei carabinieri, con cui aveva bevuto. I due avrebbero litigato perché volevano, ad ogni costo, pagare la consumazione.

Nel giro di breve tempo sono passati dalle parole ai fatti con tanto di botte e bottiglie infrante all’interno del bar con il nordafricano che è rimasto ferito. Quando sono arrivati i carabinieri l’uomo è diventato violento e ha opposto resistenza ai militari, con atteggiamenti aggressivi pure in caserma durante le procedure di foto segnalamento.

Portato in ospedale, per le lesioni riportate in seguito alla furibonda lite con l’amico, al marocchiono è stata riscontrata la frattura di una costola. Poi è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale. Questa mattina è comparso davanti al tribunale di Reggio Emilia e, dopo la convalida dell’arresto, è stato sottoposto all’obbligo di firma.