Maura Manghi lascia il Pd ed entra in Italia Viva

L'ex consigliera comunale, fedelissima di Renzi aderirà al nuovo partito dell'ex premier insieme ad altri reggiani. "Il partito e' da tempo sulla strada di una involuzione non riformista"

REGGIO EMILIA – Maura Manghi, ex consigliera comunale e renziana di ferro lascia il Pd per entrare in Italia Viva. L’addio ufficiale lo dara’ dopo il 20 ottobre, a conclusione della “Leopolda” di Firenze in cui la nuova formazione politica di Renzi prendera’ vita. “Andro’ a Firenze assieme ad un nutrito gruppo reggiano che ha deciso di partecipare attivamente alla costruzione del nuovo soggetto politico lanciato da Matteo Renzi”, informa Manghi, confermando di aver gia’ espresso in questi giorni “a titolo strettamente personale e aggiungerei privato, la mia intenzione di aderire, se ce ne saranno i modi e la possibilita’, alla nuova formazione”.

La decisione, sottolinea la reggiana, “per me non potra’ che essere in assoluta coerenza con le mie idee, la mia storia, la militanza fin qui tenuta e con il massimo rispetto per il Partito democratico e per chi decidera’ di fare scelte diverse”. Il Pd, continua Manghi, “e’ da tempo sulla strada di una involuzione non riformista. Credo che le proposte di modifica allo statuto che si stanno preparando, la proposta di un’alleanza piu’ o meno stretta ed organica coi 5 stelle, il giustizialismo strisciante di molti dirigenti del partito, la voglia di guardare indietro anziche’ avanti siano tutti segnali di questa involuzione”.

Inoltre “credo che la struttura organizzativa, ma direi anche mentale, di questo partito sia incapace di riuscire ad incidere sulla realta’ di disinteresse e disaffezione del corpo elettorale”. Pertanto, conclude Manghi, “sono certa che il weekend a Firenze sara’ il momento piu’ giusto per riflettere se Italia Viva potra’ rappresentare – come mi auguro – la casa per le idee liberali, riformiste ed europeiste che da sempre sono le mie”.