Lavoro, mancate spettanze alla “In Out”: è sciopero

I sindacati: "La Cooperativa In Out non aveva le caratteristiche di legge per poter rientrare in un contratto di rete"

ROLO (Reggio Emilia) – Sono entrati in sciopero questa mattina presto gli ex-lavoratori della cooperativa “In Out” di Rolo, in provincia di Reggio Emilia, che si occupa della movimentazione e del confezionamento di capi d’abbigliamento di grandi marche del settore.

La protesta e’ scattata perche’, dopo il cambio di appalto avvenuto a settembre, ai 38 ex dipendenti della coop non sono stati versati l’ultima mensilita’, il tfr, le ferie ed i permessi non goduti. Poiche’ l’azienda si e’ resa irreperibile, la Filt-Cgil si e’ rivolta alla coop B-Group, capofila di un contratto di rete (a cui In Out aderiva) affinche’ portasse avanti la surroga del pagamento delle spettanze.

Anche se, spiegano i sindacalisti della Filt Cristina Mameli e Vincenzo Cimmino “quattro mesi fa ci siamo accorti che la Cooperativa In Out non aveva le caratteristiche di legge per poter rientrare in un contratto di rete”.

A “B Group”, rimarca il segretario della Filt Marco Righi, “abbiamo chiesto un incontro urgente”. La “cosa che ci fa piu’ male come persone – raccontano i lavoratori stessi – e’ che ci sentiamo presi in giro: ogni mattina mentre svolgiamo le nostre mansioni, non sappiamo se avremo certezza di percepire lo stipendio e di poter pagare la bolletta del gas, la retta dell’asilo o il muto della casa”. In giornata si attendono nuovi sviluppi. Diversamente, fa sapere la Filt, dopo lo sciopero di questa mattina i lavoratori sono pronti a scioperare ancora.