Guastallese ucciso in Indonesia, interrogate sei persone

Nel bungalow la polizia ha sequestrato un coltello, che potrebbe essere l'arma del delitto, dei vestiti e dei bicchieri. Sul corpo della vittima sarà eseguita un'autopsia

REGGIO EMILIA – La polizia ha interrogato 6 persone, finora, relativamente all’omicidio del guastallese Luca Aldrovandi, trovato morto giovedì mattina dopo essere stato ucciso a coltellate nel suo appartamento nella zona turistica di Iboih, sull’isola di Pulau Weh nell’Indonesia del Nord.

L’articolo del giornale locale Atjeh Daily parla di testimoni e quindi si presume che le sei persone non siano ancora state indagate per l’omicidio di Aldrovandi. Due di questi erano impiegati nel Bixio Resort gestito dal 52enne guastallese.

Il capo della polizia di Sabang ha detto che, al momento, non si conoscono né l’assassino, né il movente dell’omicidio e che si dovrà lavorare sodo per rivelare il caso della morte del guastallese che domiciliato nell’area turistica di Iboih da dieci anni.

Nel bungalow la polizia ha sequestrato un coltello, che potrebbe essere l’arma del delitto, dei vestiti e dei bicchieri. Sul corpo della vittima, che è stato portato via stamatina dall’ospedale di Banda Aceh, sarà eseguita un’autopsia.