Costretto a una rapina per pagare debito di droga: quattro arresti

In manette padre e figlio, originari di Isola Capo Rizzuto, un campano e un giovane consumatore di droga palermitano

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Quattro persone, padre e figlio, originari di Isola Capo Rizzuto, un campano e un giovane consumatore di droga palermitano, che nel maggio scorso aveva messo a segno una rapina, sono state arrestate per estorsione aggravata e traffico di droga. Tutto è nato, appunto, dalla rapina di maggio ai danni di un esercizio commerciale. Dato che il reato era stato compiuto per acquistare droga, la polizia ha iniziato ad indagare per risalire al canale di approvigionamento del giovane ed è arrivata ai due uomini, padre e figlio e al campano, tutti residenti in città.

A loro è stato sequestrato un etto e mezzo di cocaina e sono stati accusati di spaccio. Secondo quanto hanno ricostruito gli inquirenti i due avrebbero messo in atto un’estorsione nei confronti del giovane autore della rapina che l’avrebbe compiuta per pagare un debito pregresso contratto per acquistare droga.

I pagamenti sarebbero stati richiesti con modalità violente e sarebbe anche stata utilizzata una pistola, probabilmente finta, e minacce esplicite. Con l’accusa di estorsione è stato arrestato anche il campano che non sarebbe direttamente legato al traffico di stupefacente.

Padre e figlio attuamente si trovano in carcere, mentre il giovane palermitano residente a S. Ilario e il campano sono agli arresti domiciliari.

Più informazioni su