Cna, “Cambiamenti”: premiate le start up reggiane foto

Sono 17 le startup reggiane candidate al premio per il pensiero innovativo. La finale si terrà il prossimo 28 novembre a Roma

REGGIO EMILIA – Primo banco di prova importante per le startup reggiane che concorrono alla quarta edizione del premio nazionale Cambiamenti, 17 in tutto, con la premiazione territoriale indetta dalla Cna reggiana.

Startupper, più o meno giovani, riuniti presso la sede di Ecipar Reggio Emilia hanno presentato le loro imprese, più o meno consolidate, davanti ad una giuria composta da: Giorgio Lugli, Presidente Cna, Gianluca Montanari, Referente Cna Crea Impresa, Andrea Cattabriga , strategic design, collaborative and open innovation, teacher and consultant, e Silvia Ciampa, PR Manager Kpi6.com.

Unico requisito richiesto per questa edizione, la costituzione dopo il 1 gennaio 2016. Non conta il fatturato ma il pensiero innovativo, la volontà di riscoprire le tradizioni, promuovere il proprio territorio e la comunità, innovare prodotti e processi e costruire il futuro.

Sulla base di questa filosofia, Cna Reggio Emilia ha premiato, ex aequo, tre imprese: Boscode di Simone Furattini e Andrea Chiericati è una piattaforma, che attraverso una serie di funzionalità innovative rivitalizza i centri storici sostenendo le vendite di negozianti locali.

Packtin, già finalista a Roma nella precedente edizione, nata come spin-off dell’Università di Modena e Reggio Emilia, è composta da un gruppo di giovani esperti in green chemistry, microbiologia alimentare, biotecnologie industriali e studio di biopolimeri, rappresentato da Riccardo De Leo. I prodotti proposti sono pellicole e rivestimenti biodegradabili e commestibili che migliorano la conservazione degli alimenti freschi, riducendo gli sprechi e l’utilizzo di imballaggi plastici e aumentando la sicurezza alimentare.

Pigro di Nicolò Magnanini offre assistenti virtuali chiavi in mano per l’helpdesk, in grado di rispondere alle domande degli utenti e di affiancare gli operatori per quelle più complesse.

“La scelta non è stata facile – ha spiegato il presidente Cna Lugli – i campi di applicazione delle startup reggiane in gara sono davvero vasti e spaziano dall’arredo e design, alla ristorazione, alla moda, oltre alle attività che più di altre associamo all’innovazione nel campo web, software e delle tecnologie. E’ davvero un orgoglio per la nostra città avere questi talenti e non ci resta che augurare a tutti buona fortuna per la finale del 28 novembre a Roma”.