Tutti in piazza per il Centenario della Reggiana foto

La festa ha portato nel cuore della città, la centralissima Piazza Prampolini, più di 1.500 persone

REGGIO EMILIA – La festa dei Cent’Anni del Club ha portato nel cuore della città, la centralissima Piazza Prampolini, più di 1.500 persone che hanno celebrato i protagonisti del calcio di oggi e di quello che è stato all’insegna di un unico colore: il Granata. Ad aprire la serata le parole del Presidente Luca Quintavalli che hanno rappresentato una testimonianza della Storia recente della Società, con la rinascita vissuta nella passata stagione e il ritorno grazie anche a nuovi “compagni di viaggio” nel calcio professionistico.

In rappresentanza delle istituzioni cittadine è intervenuta l’Assessore Raffaella Curioni che ha preceduto le parole, preziose e quanto mai gradite giunte tramite videomessaggio, del Presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio Gabriele Gravina. Presente in Piazza Prampolini insieme al Direttore Generale della Federazione Italiana Giuoco Calcio Marco Brunelli, il Segretario Generale della Lega Pro Emanuele Paolucci ha omaggiato la Società con il suo saluto.

“Sono onorato e orgoglioso di essere presente a questa festa così importante. I 100 anni della Reggiana rappresentano un patrimonio di tutto il calcio italiano. È una grande serata e  un grande momento per Reggio Emilia e per tutta la Lega Pro. – ha dichiarato nel suo intervento – Si festeggia un compleanno prestigioso, un traguardo ambito insieme ai valori più belli dello sport, al senso di identità e di appartenenza al territorio. È una festa per i tifosi, ma anche per tutta la città e la società che stanno lavorando per consolidare le basi per un futuro importante”.

Al Club granata è stato recapitato anche il messaggio d’auguri del Presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli, che ha espresso la propria vicinanza al Presidente Luca Quintavalli con un lungo messaggio: “Caro Presidente, un compleanno è sempre un momento importante. Un centenario, poi, è qualcosa di straordinario: è una cifra tonda che rappresenta un punto d’arrivo e allo stesso tempo di partenza verso nuovi traguardi e un futuro tutto da scrivere. Per la Reggiana è una giornata di festa e di orgoglio per tutta la città: auguri vivissimi per il lavoro svolto e per questi cento straordinari anni, fatti di alti e bassi come la vita ma che regala anche momenti meravigliosi. La Reggiana è storia nel calcio italiano, voi oggi date lustro alla Serie C”.

La presentatrice della serata Valentina Battistini ha poi svelato insieme a un altro ospite d’eccezione, l’Amministratore Delegato di Macron Gianluca Pavanello, la nuova divisa ufficiale per la stagione sportiva 2019/2020; un kit da gara studiato per caratterizzare tutta la stagione con forti richiami alla storia della “Regia”. “A Reggio Emilia si respira la storia di una Paese e di una realtà calcistica ricca di tradizione. – ha dichiarato il Ceo del brand leader internazionale nel settore del teamwear – La nostra partnership con la Reggio Audace F.C. si lega ad un progetto ambizioso ed è nato nell’anno della rinascita di questo club e quest’anno abbiamo deciso di ‘impreziosire’ questo rapporto con queste speciali divise da gioco nate da una ricerca storica e dall’attenzione che Macron mette con ogni suo club per realizzare prodotti che esaltano e valorizzano la tradizione di una società centenaria come questa”.

Dopo i saluti degli sponsor Immergas, Conad e Autostile, rappresentati sul palco da Eugenio Imbergamo, Ivano Ferrarini e Simone Casolari, la parola è passata ai protagonisti sul campo di questa stagione: Spanò, Rozzio, Scappini e tutta la squadra prima di giungere a mister Alvini e al Direttore Sportivo granata Doriano Tosi. Calciatori e staff tecnico hanno, poi, salutato i tifosi anticipando il rientro in vista dell’impegno sportivo che vede la squadra impegnata oggi nel match casalingo con il FC Carpi.

Un salto nella Storia: Giacomo Giovannini, seguendo il filo rosso delle divise da gioco”, ha condotto un viaggio nel primo secolo di vita del Club. La scopertura della targa dedicata al luogo di fondazione dell’AC Reggiana 1919 in presenza del Sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi ha anticipato il momento dedicato ai contributi video frutto delle ricerche storiche di Istoreco e Telereggio: fra tutti, un bellissimo filmato che ha portato alla piazza e alla società i saluti e gli auguri di tante “Vecchie Glorie” granata.

Nel progetto della Società, di fronte al pubblico di Reggio Emilia, è stata rinnovata e consolidata l’attenzione alle fragilità che tramite lo sviluppo delle attività legate a Quarta Categoria si prefissa di offrire a ragazzi con disabilità cognitivo-relazionali la possibilità di divertirsi con il gioco del Calcio. A testimonianza l’intervento di Valerio Maramotti, Presidente della Cooperativa di solidarietà sociale L’Ovile partner di Reggiana.

Ultima parte della serata dedicata al divertimento, grazie alla presenza del DJ reggiano Nicola Schenetti e ai protagonisti della Community Social “Che Fatica La Vita Da Bomber”, in attesa del brindisi di mezzanotte che ha radunato sul palco le autorità, gli ospiti della serata, i Soci del Club e tutti i protagonisti del mondo Granata.