Truffe ad anziani, c’è una banda in azione

Con la scusa di controllare una fuga di gas, due uomini entrano nelle loro case e li derubano degli oggetti in oro

REGGIO EMILIA – Negli ultimi giorni si sono verificati diversi casi di truffe ai danni di anziani effettuate presumibilmente dalla stessa banda e caratterizzate dallo stesso modus operandi. Due uomini, tra i 30 ed i 40 anni, carnagione chiara, con indumenti da lavoro tecnico, berretto ed occhiali da sole, si sono presentati nelle abitazioni con la scusa di dover intervenire per un presunto guasto alle tubature dell’acqua, oppure per una fuga di gas.

Una volta in casa, ottenuta la fiducia degli anziani, hanno chiesto di aprire i rubinetti dell’acqua e radunare tutti gli oggetti in oro inserendoli nel frigorifero allo scopo di salvaguardarli dall’azione corrosiva del gas. Adempiute le richieste dei malviventi, gli anziani vengono distratti da uno dei soggetti, mentre l’altro preleva i preziosi dal frigorifero per poi congedarsi dalle vittime.

Nel sensibilizzare ancora una volta la cittadinanza a non ricevere mai in casa sedicenti tecnici che si presentano senza preventiva richiesta da parte di alcuno, la questura di Reggio Emilia esorta chiunque dovesse notare due soggetti corrispondenti alle descrizioni sopra fornite aggirarsi nei condomini millantando fughe di gas o guasti alle tubature a contattare immediatamente il 113 o il 112.