Tentata truffa, anziano scopre e mette in fuga falso finanziere

L'uomo voleva fare credere all'anziano che in banca gli avevano rifilato delle banconote false e chiedeva di controllarle

REGGIO EMILIA – Tentata truffa ai danni di un anziano ieri, verso mezzogiorno, in via Sem Benelli, una laterale del lungo Crostolo. Un 84enne originario di Avellino è stato avvicinato mentre tornava a casa da un uomo di circa trent’anni, magro, vestito elegante, che ha detto di essere un agente della guardia di Finanza e che doveva ottemperare ad una notifica giudiziaria.

Il signore, credendo alle parole del sedicente agente lo ha accompagnato all’interno del proprio appartamento e lo ha fatto accomodare in soggiorno. Una volta in casa l’uomo ha detto all’anziano che, nei giorni scorsi, gli agenti della Finanza avevano arrestato due operatori della banca a cui l’anziano era affiliato, poiché si erano resi responsabili di inserimento di banconote false all’interno del bancomat.

Con questa scusa il finto agente della guardia di Finanza ha chiesto al signore di mostrargli le banconote in suo possesso per verificarne la veridicità. L’anziano, insospettito per la richiesta, gli ha detto che avrebbe allertato le forze dell’ordine, al che il finto finanziere è fuggito frettolosamente dall’abitazione con una scusa.

L’anziano signore non è stato in grado di riferire nulla sul mezzo usato dal malfattore per scappare. Sulla vicenda sta indagando la polizia.