Scandiano, in Comune arriva lo “sceriffo” ambientale

Si studia regolamento su parere di sostenibilità da parte dei dirigenti

Più informazioni su

SCANDIANO (Reggio Emilia) – A Scandiano c’e’ un nuovo “sceriffo ambientale in citta’”. Come spiega il sindaco Matteo Nasciuti, infatti, “e’ allo studio un regolamento che permettera’ al dirigente del servizio ambiente di dare parere favorevole di sostenibilita’ ambientale degli atti”. Un parere, specifica il primo cittadino, “che non sara’ vincolante, ma in caso di esito negativo suggerira’ compensazioni ambientali da fare”.

Lo “sceriffo, per dirlo con uno slogan, noi lo vogliamo mettere sull’ambiente”, afferma Nasciuti. Intanto una mozione unitaria dei gruppi consiliari e delle forze politiche di maggioranza (Pd, Frazioni in Comune, Siamo Scandiano e Scandiano Green Lab) chiede al primo cittadino di dichiarare per il Comune “lo stato di emergenza climatica e ambientale”.

Le quattro formazioni nello specifico, domandano che “venga messo in atto ogni possibile contributo all’interno delle competenze del Comune di Scandiano per far fronte alla situazione emergenziale ambientale, predisponendo iniziative ed azioni volte al contrasto del cambiamento climatico”.

In particolare, gli ambiti di intervento dovranno riguardare la “riduzione delle emissioni clima alteranti all’interno del territorio comunale”, la “promozione delle energie rinnovabili e del risparmio energetico nei settori della pianificazione urbana e della mobilita’” e “pianificazioni che prevedano l’implementazione dell’opera gia’ avviata con diverse piantumazioni, per addivenire a riforestazione urbana, parametrandola alla necessita’ di graduale compensazione delle emissioni di CO2”. La mozione e’ gia’ stata calendarizzata nel prossimo Consiglio comunale.

Più informazioni su