Reggiano precipita e muore in deltaplano nelle campagne di Dosolo

Antonio Brunetti, 62 anni, è caduto con il suo velivolo a causa di un cedimento strutturale

REGGIO EMILIA – Un reggiano di 62 anni, Antonio Brunetti, è morto ieri, verso le 19, dopo essere precipitato con il suo deltaplano in un campo a Dosolo, nel Mantovano. A provocare l’incidente in cui è perito l’ex paracadutista, esperto di deltaplano e di parapendio, potrebbe essere stato un cedimento strutturale. Molto probabilmente si è trattato della rottura di un’ala.

Brunetti era decollato dal campo volo di Dosolo dove teneva il suo deltaplano. L’incidente è avvenuto al rientro al campo volo: a un certo punto il velivolo è andato in stallo e, dopo un breve avvitamento, è precipitato in mezzo ad un prato a circa trecento metri dal campo volo.

E’ stato lanciato l’allarme e sul posto sono arrivate l’ambulanza e l’automedica provenienti da Guastalla. Subito sembrava che le condizioni di Brunetti non fossero gravissime, ma poi, nel giro di pochi minuti, l’uomo è morto. Sul posto i carabinieri che ora stanno indagando sulla dinamica dell’incidente.

Brunetti, separato dalla moglie, lascia il figlio Amerigo