Reggiana, il triplete vale il primo posto in classifica

I granata rifilano tre gol (doppietta di Marchi) al Sudtirol allo stadio Druso di Bolzano

REGGIO EMILIA – Lo stadio “Druso” di Bolzano si colora di granata grazie al doppio sigillo dell’ex di turno Marchi e alla volée di Scappini. Le parole del tecnico Alvini in conferenza stampa: “Tre successi e un pareggio maturati su quattro incontri disputati sono solo merito dei giocatori. Avanti così, ma con i piedi per terra”. Ora la Reggiana è prima in classifica a dieci punti insieme al Padova.

Primo tempo
La Reggiana, in completo blu, sfila sul green carpet; risponde il Sudtirol in tenuta bianco-rossa. Il primo a finire sulla lista dei cattivi è Costa reo di aver atterrato irregolarmente un avversario, provvedimento disciplinare contestato dalla panchina ospite. Un brivido di freddo scorre lungo la schiena dei tifosi reggiani presenti: Morosini, dopo aver fatto sfilare la sfera sotto le gambe di Rozzio, da distanza ravvicinata scaglia la stoccata respinta da Narduzzo in versione scudo protettivo. Gli uomini di mister Alvini, complice la muraglia eretta dal centrocampo tirolese, faticano a trovare quei varchi indispensabili a sorprendere e al contempo ferire il nemico. La “iena” Staiti anziché mordere, solletica l’estremo difensore autoctono. Poi… A spezzare l’equilibrio del match è Marchi il quale, approfittando della corta respinta di Cucchietti su calcio piazzato sferrato da Varone, insacca la rete del momentaneo vantaggio.

Secondo tempo
Dodici secondi, il tempo necessario al veleno del “cobra” Scappini per avere effetto: traversone di Costa, sponda perfetta con la capoccia di Marchi e il bis è servito. Gli altoatesini, nonostante due lunghezze da recuperare, non abbassano lo sguardo. Sullo scoccare del cinquantanovesimo minuto Gatto abbatte in piena area di rigore il “velociraptor” Lunetta, senza alcuna esitazione il direttore di gara indica il dischetto. Sul punto di battuta si presenta Marchi, pallone da una parte portiere dall’altra. E sono tre. Ha inizio il vortice delle sostituzioni. Da annotare, nelle battute finali, il legno colpito sotto porta da Varone. Una vittoria che manda in visibilio i quattrocento supporters provenienti dalla città di Reggio Emilia.

Il tabellino

SUDTIROL – REGGIANA: 0 – 3

Marcatori: 40’ – 59’Marchi (R), 46’ Scappini (R).

SUDTIROL (4-3-1-2): Cucchietti; Gatto, Polak, Vinetot, Fabbri (dal 63’ Davi); Tait, Berardocco (dal 62’ Rover), Morosini (dal 77’ Trovade); Petrella; Turchetta (dal 46’ Casiraghi), Romero (dal 53’ Mazzocchi). A disposizione: Taliento, Grbic, Gabrieli, Alari, Allenatore: Vecchi.

REGGIANA (3-4-1-2): Narduzzo; Spanò, Rozzio, Costa (dal 50’ Espeche); Libutti (dal 67’ Kirwan), Varone, Rossi, Lunetta (dal 73’ Martinelli); Staiti (dal 66’ Zanini); Scappini (dal 66’ Rodriguez), Marchi. A disposizione: Voltolini, Santovito, Radrezza, Haruna, Favale, Kargbo, Allenatore: Alvini.

Arbitro: Maggio sez. di Lodi (Assistenti: Agostino sez. di Sesto San Giovanni, Cortinovis sez. di Bergamo).

Note – Ammoniti: Costa, Tait, Varone. Angoli: 5 – 2. Recupero: 1’ pt. – 5’ st