Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

La Camera nega i domiciliari per Sozzani

L'Aula ha negato l'autorizzazione all'applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti del deputato di Forza Italia. A luglio la Giunta delle Autorizzazioni aveva dato l'ok con il sì di Pd e M5S. Negato anche l'uso delle intercettazioni. Di Maio: "M5S compatto, voto segreto va abolito. Ognuno deve assumersi le proprie responsabilità"

REGGIO EMILIA – L’Aula della Camera ha negato l’autorizzazione all’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti del deputato di Forza Italia Diego Sozzani. I voti a favore sono stati 235, 309 i contrari, un astenuto. A fine luglio la Giunta per le Autorizzazioni di Montecitorio si era invece espressa per l’ok ai domiciliari a maggioranza, con il voto a favore di M5S e Pd: una decisione annullata oggi dall’Assemblea, a scrutinio segreto.

L’Aula della Camera ha anche negato l’uso delle intercettazioni delle conversazioni del deputato di Fi Diego Sozzani, chiesta nell’ambito di un procedimento per finanziamento illecito relativo ad una fattura di diecimila euro. Il voto dell’Assemblea conferma la decisione assunta dalla la Giunta per le Autorizzazioni presieduta da Andrea Delmastro (Fdi), nel senso del diniego dell’uso delle intercettazioni, che sono state realizzate dagli inquirenti ‘a strascico’ con un Trojan installato su un dispositivo di un collaboratore del deputato di Forza Italia. L’autorizzazione è stata negata con 352 sì, 187 no e due astenuti. Solo i deputati M5S hanno votato per la concessione dell’autorizzazione. L’Assemblea dovrà ora esprimersi sulla richiesta di arresti domiciliari nei confronti di Sozzani.

“Qualcuno dice che il voto odierno “è tema di Governo”, io rispondo “è tema di valori”. Oggi chi ha votato contro l’arresto di Sozzani dovrebbe risponderne davanti all”opinione pubblica – il leader M5S Luigi Di Maio su facebook ha commentato il voto su Sozzani -. E invece a causa del voto segreto, non ne risponderà davanti agli italiani. È proprio in questi casi che emerge tutta la differenza tra noi e il resto del sistema. Qui non si tratta di giustizialismo o di presunzione di innocenza. Qui si tratta di normalità, di regole”.

“Il voto segreto va abolito. Ognuno deve assumersi le sue responsabilità – spiega Di Maio – . Da parte nostra, orgogliosi di aver dimostrato ancora una volta di essere l’unica forza politica in grado di interpretare un principio sacrosanto e inderogabile, quale è quello della giustizia sociale”. Voto sul quale, spiega Di Maio, “solo il MoVimento 5 Stelle ha votato compatto a favore degli arresti domiciliari e sulla richiesta di autorizzazione dei giudici a utilizzare intercettazioni”.