E’ morto Campos Venuti, padre della svolta urbanistica reggiana

E' scomparso a Bologna all'età di 93 anni. Il sindaco Vecchi: "E' stato il fautore del contrasto alla rendita fondiaria e alla deregulation quali “criteri” dell’urbanizzazione e della vita delle città"

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – E’ morto a Bologna, nel tardo pomeriggio di ieri, Campos Venuti, 93 anni, architetto, urbanista, protagonista della svolta urbanistica di Bologna, ma anche di Reggio Emilia e di altre città italiane e non solo, perché fu consulente anche del Piano regolatore comunale di Madrid.

Con Osvaldo Piacentini e Franco Albini, Campos Venuti elaborò il Piano regolatore di Reggio Emilia del 1967, poi lavorò con Federico Oliva al Prg 1999 e si è occupato di nuovo della nostra città quale consulente al Piano strutturale comunale (Psc) del 2008, oggi vigente.

Il sindaco Luca Vecchi commenta così la sua scomparsa: “Campos Venuti era partigiano. Perché lo era stato nella Resistenza, con il nome di battaglia “Bubi”, e perché è rimasto per tutta la vita una persona, uno studioso e un professionista “di parte”, cioè dalla parte giusta. E’ stato l’urbanista del contrasto alla rendita fondiaria e alla deregulation quali “criteri” dell’urbanizzazione e della vita delle città. E di converso, è stato l’urbanista della perequazione e del riequilibrio urbano, della sostenibilità e dell’ecologia, della riqualificazione dell’esistente e della valorizzazione dei poli di eccellenza territoriali, della qualità e dell’edilizia pubblica, del dimensionamento dei piani urbanistici in cui la città non si amplia, si rigenera”.

E ha aggiungo: “Senza Giuseppe Campos Venuti, Reggio Emilia non sarebbe se stessa. Per questo, con riconoscenza, siamo chiamati a fare nostra la sua eredità e a restituirla alle generazioni future. Per questo ci stringiamo nel cordoglio ai familiari e a quanti hanno conosciuto ed hanno lavorato con lui, con “Campos”, come affettuosamente lo chiamavamo qui”.

Più informazioni su