Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Coppia scomparsa a Piacenza, arrestato Sebastiani: trovato il corpo di Elisa

L'operaio di 45 anni ha portato i carabinieri dove era occultato il cadavere. I due erano scomparsi il 25 agosto scorso

REGGIO EMILIA – I carabinieri hanno trovato il corpo di Elisa Pomarelli, condotti sul luogo dove era stato occultato da Massimo Sebastiani, l’operaio 45enne fermato in mattinata. L’uomo era stato condotto in un primo momento, dopo l’arresto nella tarda mattinata mentre si nascondeva nel solaio di una casa sulle prime colline piacentine, in una caserma dell’Arma. L’operaio di 45 anni ed Elisa Pomarelli, di 28, erano scomparsi nel Piacentino il 25 agosto scorso.

L’uomo, indagato per omicidio e catturato dopo quasi due settimane di ricerche e indagini, ha fornito gli elementi utili per trovare tracce di Elisa Pomarelli, la 28enne scomparsa con lui, e della quale si era innamorato. Il corpo è stato trovato in una casa isolata di Costa di Sariano, nel comune di Gropparello (Piacenza).

Sul posto sono presenti anche il sostituto procuratore Ornella Chicca e l’avvocato Mauro Pontini, difensore di Sebastiani.

Due video che hanno come protagonista Sebastiani sono stati pubblicati dal sito Liberta.it. Nel primo l’uomo si avvicina a un armadio e con rabbia lo solleva e lo distrugge. “A cosa è servito?” continua a ripetere in modo quasi ossessivo mentre spacca il mobile con una forza inaudita ripetendo “andavano bene anche queste piccole cose! Dimmi a cosa è servito tutto questo!”.

Quella stessa ossessione che gli amici dicono provasse per Elisa che invece lo vedeva solo come un amico. In un secondo video, anche questo realizzato con il suo smartphone, si vede l’uomo che solleva un tronco e impugna una motosega con cui taglia la legna. I video potrebbero risalire a qualche tempo fa, non è chiara la data ma documentano la forza fisica e il carattere di Sebastiani.