Comune, le cause con i suoi avvocati costano 35mila euro

L'assessore Tria rivela il costo per assumere legali esterni

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Negli ultimi due anni il Comune di Reggio Emilia ha assegnato incarichi a legali esterni per 35.000 euro, per difendersi in cause intentate dai suoi stessi dipendenti dell’avvocatura civica. Il dato lo rende noto l’assessore Nicola Tria, rispondendo ad un’interpellanza del M5s. Nel mirino della consigliera pentastellata Paola Soragni erano finite in particolare le consulenze – spesso assegnate a piu’ di un professionista, anche esterni al foro di Reggio – accordate a tutela delle ragioni del Comune in cause civili per risarcimento danni.

Che pero’, sottolinea Tria, “non hanno comportato oneri aggiuntivi per l’amministrazione perche’, secondo la polizza stipulata dal Comune con le compagnie assicuratrici, il compenso dei legali e’ a carico delle stesse”. Guardando alle spese legali sostenute dal municipio nell’ultimo biennio invece, Tria evidenzia che ammontano in totale a poco piu’ di 54.000 euro, di cui 18.000 relativi al compenso dovuto ad un legale per la conclusione di una vecchia causa iniziata nel 1997 e terminata nel 2013.

I restanti 35.000 euro sono impiegati per assumere difensori in cause che “per ovvie ragioni di conflitto di interessi” necessitano di professionisti esterni. Il ricorso a queste figure, conclude tuttavia l’assessore Tria, “avviene solo in casi eccezionali”.

Più informazioni su