Il Nas sequestra in un ristorante 30 chili di alimenti scaduti

Un dipendente senza patentino. Carne, pesce e latticini senza etichette o scaduti, ragnatele e sporcizia nei locali cucina e dispensa. Scatta la maxi multa

REGGIO EMILIA – I Carabinieri del Nas di Parma, nell’ambito dei servizi rivolti a garantire la sicurezza alimentare, hanno proceduto al controllo ed ispezione igienico -sanitaria di alcuni ristoranti di Reggio città.

In un ristorante self service cittadino i militari del Nucleo Antisofisticazione e Sanitaria di Parma hanno accertato irregolarità. In particolare nel corso dei controlli, i militari hanno rinvenuto, in un congelatore a pozzetto del locale-dispensa – e sequestrato amministrativamente – oltre 30 quintali di generi alimentari carnei, ittici e latticini: alcuni erano privi di sistema di rintracciabilità (indicazioni riguardanti data di produzione, e congelamento, provenienza, specie, lotto, bollo Ce, ecc.) e altri scaduti. Sono inoltre state rilevate carenze igienico-sanitarie nei locali cucina e dispensa: sporco pregresso e ragnatele.

Un dipendente, preposto alla preparazione e somministrazione di alimenti e bevande, è risultato sprovvisto del previsto attestato di formazione per il personale alimentarista.

Il titolare, infine, è stato segnalato all’autorità sanitaria per aver omesso di far rispettare il divieto di fumare nel locale. Gli alimenti sono stati sequestrati mentre al titolare sono state comminate multe per 3.400 euro.

Il valore commerciale dei prodotti alimentari sequestrati ammonta ad euro 500 circa.