Scandiano, bottigliate e coltellate dopo una lite: due denunce

Un 47enne e un minore sono accusati dai carabinieri di lesioni personali aggravate

SCANDIANO (Reggio Emilia) – Minacce con bottigliate e coltellate dopo una lite: due persone sono state denunciate dai carabinieri. Si tratta di un 47enne e di un minore: sono entrambi accusati di lesioni personali aggravate dai carabinieri della tenenza di Scandiano.

E’ successo giovedì sera quando la finestra dell’abitazione del 47enne è stata colpita da alcuni oggetti lanciati da dei ragazzi che sono fuggiti subito dopo. Una volta sceso in strada l’uomo si è imbattuto nel minore e lo ha colpito con un pugno. Il ragazzino, dopo aver rotto una bottiglia, l’ha rivolta contro l’uomo minacciosamente.

A quel punto il 47enne si è armato di una piccola zappa con cui ha colpito più volte il minore che ha estratto un piccolo coltello e ha colpito con cinque fendenti alle spalle l’uomo. Sul posto sono arrivati i carabinieri: i due sono dovuti ricorreer alle cure mediche. Il minore è stato giudicato guaribile con un giorno di prognosi per varie contusioni lievi, mentre il 47enne, ricoverato in osservazione, è stato poi dimesso con una prognosi di 10 giorni per le ferite da arma da taglio.

Al termine degli accertamenti i carabinieri di Scandiano hanno denunciato i due per lesioni personali aggravate e porto abusivo di armi. Fra i due non correva buon sangue come dimostra la denuncia presentata dal 47enne nei confronti del minore per minaccia avvenuta qualche settimana fa.