Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Salvini: “Il 20 sfiduciamo Conte, poi nessun governo strano”

Ieri il Senato aveva bocciato la proposta della Lega sul voto di sfiducia a Conte il 14 agosto

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – “Il 20 agosto sfiduceremo il premier”. Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini a Non Stop News su Rtl 102.5. “In tantissimi chiedono che non ci siano giochini di palazzo, governi tecnici. La via maestra, democratica, trasparente, lineare, è quella delle elezioni. Stiamo facendo tutto il possibile perché gli italiani possano votare. No a governi strani, prima si vota, meglio è”, aggiunge.

“In tante realtà, soprattutto del Sud” il reddito di cittadinanza “si sta trasformando in incentivo in lavoro nero. Lo cancello? No, ma sono situazioni che vanno monitorate. Preferisco crescita e sviluppo all’assistenza”, sottolinea Salvini.

Ieri il Senato aveva bocciato la proposta della Lega sul voto di sfiducia il 14 agosto al governo Conte.

M5S, Pd, LeU e Autonomie avevano votato insieme contro le proposte del centrodestra di mettere ai voti nell’immediato la mozione di sfiducia a Conte. Il Senato aveva respinto così la richiesta di modifica del calendario e aveva confermato indirettamente il timing votato in conferenza dei capigruppo ieri che prevede che Conte terrà le comunicazioni a Palazzo Madama il prossimo martedì 20 agosto alle 15.

Questo dopo che Matteo Salvini aveva aperto al taglio dei parlamentari caro a M5s con una mossa imprevista: “Votiamolo la prossima settimana e poi andiamo subito al voto”. Non senza aver ammonito i pentastellati: “Pensate 3 volte prima di allearvi con il Pd”. In giornata anche Matteo Renzi aveva rilanciato: “Ho voluto lanciare un appello alle forze politiche che oggi ha lo spazio per poter essere accolto. Non darò alibi a nessuno per far saltare l’accordo che il tabellone di Palazzo Madama rende possibile”. E intanto Forza Italia aveva detto no all’ipotesi di un accordo con Salvini che comporti una lista elettorale unica.

Per il capogruppo M5S in Senato Stefano Patuanelli, Salvini “ha tolto qualsiasi valenza politica al dibattito in corso: la proposta di votare immediatamente la prossima settimana la quarta lettura della riforma” per tagliare i parlamentari “è possibile esclusivamente se domani non viene votata la sfiducia al governo, mi aspetto che venga ritirata la proposta Romeo, in alternativa voteremo contro”.

L’Aula del Senato ha confermato indirettamente, bocciando le proposte di modifica al calendario presentate dal centrodestra, il timing votato in conferenza dei capigruppo ieri che prevede che Conte terrà le comunicazioni a Palazzo Madama il prossimo martedì 20 agosto alle 15.

Più informazioni su