Incastrato dal cane di un passeggero, nigeriano arrestato con la droga

Il nigeriano 31enne è stato fermato perché l'animale starnutiva in continuazione: sequestrati 6 chili di marijuana

REGGIO EMILIA – Un nigeriano di 31 anni, disoccupato, regolare, è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio dopo che è stato fermato ieri mattina alla stazione ferroviaria di piazzale Marconi mentre trasportava 6 chili di marijuana. Ieri mattina gli agenti della polizia, impegnati nell’attività di prevenzione del traffico di sostanze stupefacenti, hanno notato l’immigrato, già conosciuto, scendere da un treno regionale proveniente da Bologna.

Il nigeriano indossava abiti sportivi ed aveva con sé uno zaino a tracolla. Gli agenti della squadra mobile hanno concentrato le loro attenzioni su un cane, portato al guinzaglio da un passeggero sceso dallo stesso treno, che continuava a starnutire mentre percorreva lo stesso tragitto dell’immigrato.

A questo punto l’uomo è stato fermato e identificato. In seguito a una perquisizione sono stati trovati 7 involucri che contenevano, complessivamente, circa 6 kg di marijuana, del valore di alcune decine di migliaia di euro, nascosti in parte nello zaino tra capi di abbigliamento intrisi di profumo e, in parte, in una borsa di plastica tra scarpe spaiate, al fine di eludere controlli superficiali.

L’attività è proseguita nel domicilio del nigeriano dove la perquisizione ha permesso di trovare, oltre a materiale specifico per la preparazione delle dosi di sostanza stupefacente, anche la somma di circa 8mila euro in banconote.