Guastalla, scritte naziste e svastiche sotto la casa del segretario Pd foto

"Comunisti di merda a morte", hanno scritto ignoti nella notte nell'androne del palazzo di via Trieste dove vive Rossana Gombia. Andrea Costa: "Vigliacchi, venite davanti al mio ufficio"

GUASTALLA (Reggio Emilia) – Ignoti sono andati, questa notte, a casa del segretario del PD di Guastalla, Rossana Gombia, in via Trieste e hanno imbrattato i muri con svastiche e richiami alle SS. Hanno anche lasciato scritte come “comunisti di merda a morte” e “Sieg Heil Mein Fürer “.

Quest’ultima frase, peraltro errata perché Führer si scrive con la h, è il “saluto alla vittoria” che veniva pronunciato a braccio alzato nelle adunate fasciste.  Al grido di un ufficiale della parola Sieg, la folla rispondeva con Heil. Utilizzare questa frase, nella Germania odierna, costituisce reato punibile con la reclusione fino a tre anni.

Le scritte sono apparse stamattina nel corridoio di ingresso e sono state fatte dopo le due di notte. I vandali hanno iniziato ad imbrattare anche la zona davanti alla porta della signora Gombia, ma evidentemente, disturbati dai due cani che vivono con lei, sono fuggiti. Stamattina il segretario del Pd ha sporto denuncia ai carabinieri di Guastalla.

Su Facebook il segretario provinciale del Pd e sindaco di Luzzara, Andrea Costa, ha postato una foto e ha scritto: “Sto abbracciando, insieme a Matteo Artoni (vicesindaco di Guastalla, ndr), la segretaria del Pd di Guastalla Rossana Gombia che questa notte ha ricevuto a casa la visita di vandali che hanno imbrattato i muri di scritte politiche. Il mio abbraccio è quello di tutta la comunità politica che rappresento. È anche quello dell’Italia migliore, che non scrive ‘comunisti di merda a morte’, che disprezza le svastiche e i richiami alle SS, è l’Italia che ha conquistato diritti, benessere, un futuro migliore per tutti. Anche per quei poveri dementi che sapendo di esserlo si muovono furtivi la notte. Se non foste i codardi che siete vi presentereste a volto scoperto una mattina qualsiasi – scegliete voi – davanti al mio ufficio: io non ho paura, e voi?”.

Vaccari: “Solidarietà e vicinanza a Rossana Gombia”
Stefano Vaccari, responsabile nazionale dell’organizzazione del Pd, scrive: “Solidarieta’ e vicinanza a Rossana Gombia, segretaria del circolo Pd di Guastalla, vittima di un grave atto di violenza squadristica. Questa notte e’ stata vittima di una vera e propria aggressione da parte di persone che hanno in odio la democrazia e partiti come il Pd che si battono per difenderla contro rigurgiti di un passato terribile. Le svastiche e cio’ che rappresentano non ci fa paura ma orrore, non lo temiamo e anzi lo combattiamo con rinnovata forza. In attesa che le forze dell’ordine individuino gli autori di questo gesto, rinnoviamo la nostra solidarieta’ a Rossella e alla comunita’ dei democratici di Guastalla”.

Zanichelli (M5S): “Sono gesti incommentabili”
“Esprimo la mia profonda solidarietà al segretario del Pd di Guastalla Rossana Gombia per l’atto vandalico che ha subito la scorsa notte nei pressi della sua abitazione privata. Sono gesti incommentabili che vanno puniti ed é un grave atto di odio e violenza contro i principi della nostra democrazia. L’auspicio e che gli autori vangano identificati al più presto dalle forze dell’ordine perché non si tratta di una banale “ragazzata” ma è un chiaro simbolo di matrice nazi-fascista che riecheggia un passato buio della nostra storia”, commenta in una nota il deputato del MoVimento 5 Stelle Davide Zanichelli.