Scandalo affidi, quattro bambini sono tornati dai loro genitori

I loro casi sono stati riesaminati dai giudici di Bologna ed è stato deciso il ricongiungimento con le loro famiglie originarie

REGGIO EMILIA – Quattro su sei dei bambini che erano stati tolti alle famiglie dai servizi sociali della val d’Enza sono stati restituiti alle loro famiglie. I loro casi sono stati riesaminati dai giudici di Bologna ed è stato deciso il ricongiungimento con le loro famiglie originarie che è avvenuto prima del 27 giugno, giorno in cui è uscita la notizia dell’inchiesta e sono scattati gli arresti.

Questo significa, come del resto è stato recentemente sostenuto anche dal presidente del tribunale Minorile di Bologna, Giuseppe Spadaro, che, da tempo, c’erano perplessità sull’operato dei servizi della Val d’Enza. Il lavoro dei giudici del tribunale dei Minori di Bologna prosegue ora per esaminare in modo più approfondito tutta la settantina di casi e segnalazioni opera dei servizi della Val d’Enza.

I casi sono stati affidati a un differente servizio sociale, conferendo anche un incarico a consulenti e periti per far luce su ogni situazione e riesaminare le precedenti risultanze dei servizi sociali sotto inchiesta.