Minori, Vinci “Il Pd mi querela? Io gli chiedo i danni”

Il deputato reggiano: "Un'azione per sviare l'attenzione dai fatti di Bibbiano"

REGGIO EMILIA – Gianluca Vinci, deputato leghista di Reggio Emilia e avvocato di professione affila le armi. Il parlamentare del Carroccio non ha infatti gradito la notizia che il Pd nazionale – come promesso dal segretario Nicola Zingaretti – ha deciso di denunciarlo per un post sull’inchiesta “Angeli e demoni” apparso sulla pagina di Vinci il 27 giugno scorso e ritenuto dai dem offensivo del partito.

Il tutto, sostiene l’esponente del Carroccio, “solo per sviare l’attenzione sui noti fatti di Bibbiano anche se sarebbe stato bello che i soldi per gli avvocati li avessero dati alle famiglie che si sono visti portar via i figli ingiustamente e che ora dovranno far riaprire le pratiche”.

Vinci afferma poi: “Ho solo scritto che era stato arrestato il sindaco del Pd di Bibbiano, che era vero, mentre il capogruppo del Pd Graziano Delrio era sulla Sea watch invece di essere vicino alle famiglie. Cosa che faremo noi con un incontro che ci sara’ sabato sera, che andra’ anche sotto il municipio e portando nel Comune anche Matteo Salvini che ha anticipato di voler andare a Bibbiano”.

Intanto, chiude Vinci, “io mi preparo io a chiedere i danni al Pd. L’ultima cosa da fare per intimorire un avvocato e’ minacciarlo di querela, lo fai solo arrabbiare di piu’, quindi obiettivo fallito. Il Pd ha sbagliato veramente di grosso. Non mi fermera’”.