Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Milano Marittima, figlio di Salvini su moto ad acqua polizia: è polemica

Due uomini cercano di bloccare il videomaker che filma la scena: “È un mezzo della polizia, non ci mettere in difficoltà”

REGGIO EMILIA – “Sono in corso accertamenti per verificare se ci sia stato un uso improprio di mezzi dell’amministrazione”. Lo riferiscono fonti della Questura di Ravenna, dopo che un videomaker di Repubblica ha ripreso il figlio del ministro dell’Interno Matteo Salvini in sella a una moto d’acqua della Polizia a Milano Marittima.

La scena è stata immortalata a pochi metri dalla riva e sta suscitando polemiche. Gli agenti presenti avrebbero detto all’autore: “È un mezzo della polizia, non ci mettere in difficoltà”. Quindi avrebbero deciso di “glissare” sull’identità del ragazzo a bordo, sostenendo di non poter rispondere “per motivi di privacy”.

L’accaduto, ovviamente, ha innescato immediate reazioni politiche. A cominciare da quelle del Partito Democratico, che parla di “episodio inaccettabile”.

Il leader leghista e ministro dell’Interno ha cercato subito di minimizzare la vicenda: “Mio figlio sulla moto d’acqua della Polizia? Errore mio da papà, nessuna responsabilità va data ai poliziotti, che anzi ringrazio perché ogni giorno rischiano la vita per il nostro Paese”.